Svegliati amore mio, l’ex Ilva di Taranto punisce gli operai che promuovono la fiction

Incredibile ma vero: AncelorMittal minaccia di licenziare chi commenta e invita a vedere la serie con Sabrina Ferilli

1
155
Sabrina Ferilli in una scena della fiction Svegliati amore mio
Sabrina Ferilli in una scena della fiction Svegliati amore mio

Gli operai di ArcelorMittal (l’ex Ilva di Taranto) che invitano i loro colleghi a vedere Svegliati amore mio rischiano il licenziamento. Sembra una fiction ma è la realtà. Il colosso industriale ha sospeso, in via disciplinare, due dipendenti dello stabilimento siderurgico perché hanno condiviso un post sui social in cui invitano a seguire la serie di Canale 5 con Sabrina Ferilli. I lavoratori hanno definito “una vergogna” gli effetti dell’inquinamento sui bambini e degli “assassini” tutti quelli che hanno contribuito a creare questo disastro. La sanzione è un’autentica beffa per la tempistica con cui è arrivata.

Svegliati amore mio: ArcelorMittal Taranto punisce gli operai

La manutenzione degli impianti dell’ex Ilva è oramai al collasso e le condizioni di sicurezza, fortemente compromesse, mettono ogni giorno a grave rischio la salute e sicurezza di operatori e cittadini. L’ultimo incidente risale proprio al giorno di Pasquetta: un’esplosione e un incendio si sono verificati nel reparto della colata continua di Acciaieria 2. La tragedia è stata evitata per un soffio.

Nonostante tutto, AncelorMittal pensa a punire i dipendenti che segnalano una fiction come Svegliati amore mio. La serie di Ricky Tognazzi e Simona Izzo, per altro, non è stata girata a Taranto ma a Colleferro, in provincia di Roma, ed è ambientata nell’immaginaria acciaieria Ghisal. Ovviamente la storia di una bimba ammalata, figlia di un operaio, e del coraggio di sua madre nel denunciare i danni che la fabbrica provoca all’ambiente e alla salute, risuona nella vicenda dell’acciaieria pugliese.

In una nota ufficiale, AncelorMittal Italia “riconosce e rispetta la rilevanza artistica e sociale dell’industria del cinema e della televisione, così come di ogni altra forma di espressione artistica e culturale”, ma precisa che i provvedimenti sanzionatori nei confronti dei due dipendenti sono stati adottati “per aver denigrato l’azienda stessa e il suo management, anche attraverso affermazioni di carattere lesivo e minaccioso”.

Sabrina Ferilli in una scena della fiction Svegliati amore mio
Sabrina Ferilli in Svegliati amore mio (foto: Fiction Mediaset)

Nel comunicato stampa, il responsabile delle risorse umane dell’azienda, Arturo Ferrucci, ricorda che attualmente l’acciaieria risulta rispettare i limiti di legge delle emissioni. La multinazionale “deplora la distribuzione di notizie false e non verificate che a loro volta possano lederne l’immagine ma soprattutto procurare allarme e sconcerto nei lavoratori e nella popolazione”. La sospensione immediata dei dipendenti è quindi avvenuta perché è venuto meno il rapporto di fiducia tra il lavoratore e l’azienda.

Per i sindacati, invece, quelli scritti sui social dai due operai sono solo commenti riferiti alla fiction, che oggettivamente parla di aziende che inquinano. Biagio Prisciano, il segretario di Fim Cisl a Taranto e Brindisi, definisce la sospensione dei due dipendenti una punizione ingiustificata e priva di fondamento”. Francesco Brigati della Fiom è ancora più duro e sottolinea il paradosso delle sanzioni di AncelorMittal, “come se l’immagine e la reputazione aziendale non fossero già fortemente compromessi da una cattiva gestione che ha generato fratture insanabili con la città, con i lavoratori di ArcelorMittal e del mondo dell’appalto”.

Francesco Rizzo del sindacato Usb aggiunge che nella serie “non si fa riferimento ad ArcelorMittal e/o comunque i fatti riportati sono relativi a circa dieci anni fa, quindi eventualmente alla gestione dei Riva”. Inoltre, spiega Rizzo, “non è la prima volta che ArcelorMittal tenta di mettere il bavaglio ai lavoratori che, a questo punto vengono privati anche della possibilità di avere e condividere un’opinione in merito agli effetti acclarati, in ambito sanitario e ambientale”. Usb denuncia i comportamenti “vigliacchi e fascisti” dell’azienda e definisce “gravissimo il continuo tentativo di volere a tutti i costi alimentare un clima di terrore all’interno dello stabilimento”.

Ex Ilva di Taranto sanziona gli operai: “La notizia sgomenta”

L’amministrazione comunale di Taranto, attraverso il sindaco Rinaldo Melucci e l’assessore all’Ambiente Paolo Castronovi, si è subito schierata al fianco dei due lavoratori. Castronovi dichiara che “ArcelorMittal è riuscita a calpestare il sacrosanto diritto di ogni persona, lavoratore e non, a manifestare il proprio pensiero che è un diritto sancito dall’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, e dall’articolo 21 della Costituzione italiana. I vertici dell’azienda pensassero piuttosto ad ascoltare i lavoratori e una città intera che da anni chiedono rispetto”.

Sulla questione, infine, sono intervenuti Ricky Tognazzi e Simona Izzo in persona, i creatori di Svegliati amore mio. Tognazzi esprime “solidarietà ai lavoratori ArcelorMittal di Taranto”. Izzo scrive su Twitter che “la notizia sgomenta” e “ha dell’incredibile”.

La sceneggiatrice posta anche su Instagram la foto della protagonista Sabrina Ferilli con sovrimpressa, a caratteri maiuscoli di colore rosso, la scritta “Vietato condividere”. “La drammaturgia non cambia di certo le cose ma a volte sveglia le coscienze”, sono le sue parole.

1 COMMENT