Dal fascismo alla cocaina: è scontro aperto tra Giorgia Meloni e Ferragni e Fedez

L'omicidio di Willy Monteiro a Colleferro scatena una polemica infuocata tra la leader di Fratelli d'Italia e i Ferragnez

Monta tra giornali e social lo scontro tra Giorgia Meloni e la coppia Ferragni e Fedez. Al centro del botta e risposta c’è l’omicidio di Willy Monteiro, il ragazzo di 21 anni ucciso a calci e pugni a Colleferro. Tutto è cominciato quando Chiara Ferragni ha commentato l’accaduto tirando in ballo l’aggravante razziale a carico degli aggressori. La fashion blogger accusa la “cultura fascista sempre resistente in questo Paese” dietro la violenza degli assassini del giovane capoverdiano di Paliano.

Chiara Ferragni e Fedez fanno infuriare Giorgia Meloni

Ferragni, in una storia di Instagram pubblicata dal profilo @spaghettipolitics (account gestito dalla 21enne varesina Michela Grasso), non ha usato mezzi termini. “Il problema – ha detto – non lo risolvi nascondendolo sotto al tappeto, lo si risolve con la cultura e l’istruzione”.

View this post on Instagram

(ENGLISH= second slide) I thought a lot about posting this (which is also in my stories), but realized that it is better to have it here permanently. Last night I read something about how this murder had a racist background and at the start I was skeptical, because I thought “well they would have killed anyone”, but then I decided to shut the f up and listen to what black Italians had to say about this. It’s not only the murder that is racist, but even the way in which it was portrayed. Italian newspapers are scared to say the R (racism) and F (fascism) word. But this time was the perfect time to scream it out loud. You have 4 fascists men beating to death a black man. What does the newspaper do? Focus on the life of the 4 men (not of the victim!) to show how good they were, to then move on into saying that MARTIAL ARTS ARE BAD because they teach you violence. No AMO, FASCISM TEACHES VIOLENCE AND RACIAL SUPERIORITY. These men come from a terrifying culture that is everywhere in italy, and this does not help me in wondering, if Willy had been white, would have he been alive today? It could be. If 4 black men had killed a white Italian, it would be complete chaos in Italy, people would march against immigrants. Many Italians see black people as without any story, personality or backgrounds; this explains why there were such a few articles about Willy’s life but so many articles about the aggressors’ lives. Normally when an Italian young person is killed, there are tons and tons of stories and articles about how good they were, what they were studying, what their passions were and so on.. We need to eradicate fascism and this cult of superiority from Italians, we need to educate Italians in school. We can’t let them grow in a country where fascism is still so widely accepted by the media. How many time there have been openly declared fascists on tv? How many times have you heard openly racist comments on tv or read them on social media? The acceptance of fascist discourse leads to this: men who kill someone based on superiority standards and the cult of violence. Stop fascism, educate.

A post shared by @ spaghettipolitics on

La presa di posizione dell’imprenditrice, che ha usato parole radicali per i suoi standard come ha fatto solo quando è stata paladina dei diritti LGBTQ, ha suscitato un duro commento di Giorgia Meloni. La presidente di Fratelli d’Italia, in un’intervista al quotidiano La verità, rifiuta ogni connotazione politica dietro questa vicenda e biasima piuttosto la “cultura effimera” che produce questi mostri.

Gli aggressori di Willy, secondo la Meloni, “sono distanti anni luce da qualunque cultura. Escludo che abbiano mai letto un libro. Semmai sono figli di chi ha propagandato il modello Gomorra per farci milioni. Di chi ci ha spiegato che in Italia il problema della droga non esiste. Di chi, nei salotti buoni, come valore massimo propone l’obiettivo di comprarsi un paio di scarpe da 1.000 euro”.

“Mi chiedo solo – affonda la leader di FdI – come mai la Ferragni e Fedez non facciano una bella campagna contro la diffusione della cocaina tra i giovani”.

Giorgia Meloni: Fedez e il problema della “cocaina tra i giovani”

Queste dichiarazioni non hanno lasciato indifferente Fedez. Il rapper milanese sposato con la regina delle influencer risponde a muso duro sui social.

“In interviste passate – ammette il cantante – ho detto di aver fatto utilizzo di droghe in un discorso molto più ampio che verteva proprio sulla condanna dell’utilizzo delle droghe stesse… Non mi fumo neanche le canne, reggo molto male l’alcol. Faccio una vita terribile da pensionato”.

La stoccata non si fa attendere. “Mi metto a disposizione di tutte le procure possibili e immaginabili – puntualizza Fedez – per fare tutti i test anti-droga se anche i senatori e i parlamentari della Repubblica fanno lo stesso”.

Un primo piano di Giorgia Meloni e uno di Chiara Ferragni e Fedez
Giorgia Meloni vs Ferragni e Fedez (foto: Instagram @fedez @giorgiameloni)

Fedez Meloni: lo scontro arriva su Twitter

A quel punto il rapper ricorda un episodio accaduto nel settembre del 2019, quando un assessore comunale alle politiche giovanili di Fratelli d’Italia è stato sorpreso a Lagosanto, in provincia di Ferrara, ad acquistare cocaina dai carabinieri.

“È tutto bellissimo”, il sarcastico commento su Twitter accostato alla citazione della Meloni.

In precedenza, Fedez è anche tornato sul modello “vuoto e narcisista” che lui e la moglie rappresentano nell’Italia di oggi.

“Diamo per assodato che Chiara Ferragni e Fedez siano il problema di questa società – chiarisce –. Se non esistessero Chiara Ferragni e Fedez non ci sarebbero più crimini, persone violente e il mondo sarebbe un posto fantastico. Allora domandiamoci che cosa, chi ha creato Chiara Ferragni e Fedez? Di cosa sono figli? Siamo figli vostri”.

Fedez e Chiara Ferragni nel mirino di Fratelli d’Italia

I commenti degli utenti, tra favorevoli e contrari, sono stati tantissimi. La ciliegina sulla torta l’ha messa Giovanbattista Fazzolari, senatore di FdI.

“Il duo social canoro Fedez-Ferragni – scrive il deputato su Facebook – torna oggi ad attaccare Giorgia Meloni con mistificazioni tipiche di chi è abituato a vivere di gossip e pettegolezzi. Non si capisce se sia un disperato bisogno di visibilità, avendo forse finito le foto dei loro fondoschiena, o il preludio a un loro maggiore impegno in politica. Avranno legittimamente pensato che visto il livello medio dei comunicatori, degli intellettuali e dei politici di riferimento del governo pentapiddino anche loro possono giocarsi le loro carte e diventare punti di riferimento del panorama culturale della sinistra italiana. Effettivamente non hanno tutti i torti. Suggerisco subito un convegno alla Festa dell’Unità: da Gramsci a Fedez-Ferragni evoluzione della sinistra”.

🔴 ATTACCHI ALLA MELONI: FEDEZ FERRAGNI NUOVI INTELLETTUALI DELLA SINISTRA 😄Il duo social canoro Fedez Ferragni torna…

Publiée par Giovanbattista Fazzolari sur Lundi 14 septembre 2020