Doc – Nelle tue mani è tornato, ed è più forte di prima: battuti altri due record

La fiction con Luca Argentero vola negli ascolti e diventerà la prima serie italiana ad essere rifatta negli Stati Uniti

Doc – Nelle tue mani si conferma il fenomeno televisivo della stagione. La seconda parte della prima stagione della serie di Rai 1 con Luca Argentero e Matilde Gioli vola negli ascolti. Oltre 7 milioni e mezzo di spettatori (29% di share) per la puntata del 15 ottobre 2020. Ancora meglio per l’episodio successivo di giovedì 22: 30,1% di share e la soglia dei 7 milioni di telespettatori ampiamente superata. Ma quali sono i segreti del medical drama prodotto da Lux Vide?

Doc Nelle tue mani 2, puntate volano negli ascolti

Sicuramente le storie raccontate, la bravura degli attori, il momento particolare in cui la serie è stata messa in onda. Ma c’è molto altro. Innanzitutto gli aspetti tecnici innovativi.

La fiction è stata girata con macchine da presa di ultima generazione (l’azione è ripresa sempre con due camere a mano) e il montaggio è avvenuto da remoto, in attesa di riaprire il set dopo il lockdown di marzo per girare le scene mancanti. Quello di Doc – Nelle tue mani è stato il primo set in Europa a ripartire e a sperimentare i protocolli di sicurezza.

Parte del merito va poi all’ex direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, che ha chiesto ai produttori Luca e Matilde Bernabei di lavorare ad una fiction sullo stile di classici come E.R. – Medici in prima linea, Grey’s Anatomy e Dr. House.

“Ci disse che in Italia mancava una serie medical – spiegano i due a Tv Sorrisi e Canzoni – e ci chiese di fare qualcosa. Così ci siamo messi a cercare finché abbiamo trovato il libro di Pierdante Piccioni. Dalla sua storia, con lui e un gruppo di creativi, siamo partiti per creare Doc”.

Un altro punto a favore è infine l’estremo realismo della messa in scena. Gli autori hanno voluto che il cast capisse in prima persona com’è il lavoro dei medici, sia dal punto di vista tecnico che umano. Il regista Jan Michelini ha chiesto agli attori di affiancare veri dottori per un lungo periodo precedente alle riprese.

“Li ho portati al Gemelli di Roma – rivela Michelini – e ogni attore ha affiancato un dottore che somigliasse al personaggio che avrebbe interpretato. Anche i medici veri li ho scelti io”.

Oltre ad aver frequentato un corso di rianimazione e ad aver assistito a un piccolo intervento in sala operatoria, il cast ha imparato a fare le punture sui manichini e a usare i defibrillatori.

Un primo piano di Luca Argentero in Doc - Nelle tue mani
Luca Argentero in Doc – Nelle tue mani (foto: Lux Vide/Rai Fiction)

Doc Nelle tue mani, storia vera alla conquista del mondo

La seconda stagione di Doc è già stata confermata dagli sceneggiatori Francesco Arlanch e Viola Rispoli. La pandemia di Covid-19 entrerà inevitabilmente nella narrazione degli eventi.

Intanto, la serie ha un successo clamoroso anche al di fuori dell’Italia. Doc – Nelle tue mani ha incollato gli spettatori allo schermo in Spagna e Portogallo, a breve arriverà pure in Francia e in Inghilterra. Sony Pictures Television ha inoltre acquisto i diritti del format: il colosso statunitense svilupperà un adattamento per il mercato americano e la divisione internazionale distribuirà la versione originale italiana e gli eventuali remake internazionali.

Sarà la prima volta per una serie italiana: l’ennesimo record per il dottor Fanti e i suoi colleghi.