La risposta della Littizzetto a Ezio Greggio su Enea

0
203
La risposta della Littizzetto a Ezio Greggio su Enea
La risposta della Littizzetto a Ezio Greggio su Enea

Non si è fatta desiderare la risposta della Littizzetto a Ezio Greggio dopo la grande polemica sollevata proprio dall’appello del presentatore in merito ad un bambino lasciato al Mangiagalli e destinato all’affido familiare. La mitica comica ha usato lo studio di Che Tempo Che Fa per lanciare il suo personalissimo messaggio:

Che cosa viene espresso nella risposta della Littizzetto a Ezio Greggio

Caro Enea, bel cicciottino di 2 kg e mezzo, cucciolo di specie umana, super-millenial, classe 2023. Piccolo avannotto che dai le tue prime bracciate nel mare tempestoso della vita.
Perché la tua mamma dopo averti tenuto nella sua pancia per nove mesi ha pensato che saresti stato meglio lontano da lei. Credo che questa decisione le sia costata molto cara, sai Enea. Così ti lasciato in una culla per la vita a Milano
.”

Inizia così la lettera di risposta della Littizzetto a Ezio Greggio, o meglio in questo caso diretta proprio al piccolo Enea: “Le culle per la vita non ci sono solo a Milano sai. Ci sono in tante città d’Italia. Ci sono a Napoli, Varese, Parma, Padova, Firenze e Roma. Più di una in ogni regione. E funzionano così: Appena la mamma appoggia il bambino in quella piccola cuccia calda scatta un sensore collegato con l’ospedale più vicino che allerta i medici che intervengono subito.
Per questo non credere mai a quelli che dicono che la tua mamma ti ha abbandonato. Non ti ha abbandonato, ti ha affidato. Son due verbi molto diversi sai…quando crescerai lo capirai.
Abbandonare significa mettere in pericolo, fregarsene di cosa succederà dopo, vuol dire che non te ne importa niente
. Affidare invece è diverso. È avere così tanta fiducia nell’altro da chiedergli di custodire la cosa che più ti sta a cuore.”


Parole molto toccanti che riguardano la comica da vicino: come molti sanno, infatti, i figli di Lucianina, Jordan e Vanessa, sono arrivati nella sua vita proprio tramite un percorso di affido. “Semplicemente le mani di mamma hanno incontrato altre mani. È stata una catena d’amore Enea caro. Non succede solo a te sai. Pensa che in Italia capita a 400 bambini all’anno. E la maggior parte trova una nuova famiglia già dall’ospedale. Sai, per noi adulti la vita è un casino e a volte siamo costretti a fare cose che non vorremmo. Sembra strano dirlo a te che di settimane su questa terra ne hai così poche ma ti assicuro che più invecchi più le cose si complicano.

La risposta della Littizzetto a Ezio Greggio su Enea
La risposta della Littizzetto a Ezio Greggio su Enea

Un pensiero va anche al rispetto della scelta della mamma di Enea: “Non so come mai la tua mamma l’abbia fatto e se vogliamo davvero rispettarla non dobbiamo neanche chiedercelo. Al contrario. Dobbiamo custodire il suo segreto con rispetto, silenzio e soprattutto compassione.
Sappi comunque che mamma, con il suo gesto pieno di amore e di dolore, ha messo in moto una catena di protezione che nei decenni in Italia abbiamo reso sempre più forte…
E che parte dagli ospedali, fino ad arrivare ai tribunali dei minori, agli assistenti sociali, ai genitori affidatari, a quelli adottivi.… E questa catena sta dentro una cosa che si chiama Stato e serve apposta per tutelare i diritti di tutti, neonati, bambini, mamme e papà perduti e fragili. Famiglie tradizionali e famiglie non tradizionali. Perché non è vero che la società non esiste. Esiste eccome. E dobbiamo fidarci di lei.