Elton John e Laura Pausini contro il Vaticano che nega la benedizione alle coppie omosessuali: “Ipocriti”

Il "responsum" della Congregazione per la Dottrina della Fede non va giù alle due popstar: "I gay sono figli di Dio come tutti gli essere umani"

0
283
Elton John, Papa Francesco e Laura Pausini
Elton John, Papa Francesco e Laura Pausini

Il “responsum” della Congregazione per la Dottrina della Fede sulle coppie omosessuali fa infuriare non solo attivisti e associazioni Lgbt, ma anche tanti nomi di primo piano del mondo dello spettacolo come Elton John e Laura Pausini. La prassi in uso all’ex Sant’Uffizio ha infatti negato la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso. Nel documento diffuso della Congregazione, guidata dal cardinale gesuita Luis Francisco Ladaria Ferrer, si dichiara “illecita ogni forma di benedizione che tenda a riconoscere le unioni omosessuali” perché “Dio benedice l’uomo peccatore ma non il peccato”.

Elton John, Vaticano ipocrita: il post è virale

Le “unioni fra persone dello stesso sesso” implicano una “prassi sessuale fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita”. Quindi “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppur remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”.

Il no del Vaticano alla benedizione delle coppie gay smonta la narrazione che ha costruito Papa Francesco come un Pontefice liberal. Bergoglio si era espresso pubblicamente a favore degli omosessuali. “Le persone omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo”, ha dichiarato il Pontefice nel documentario Francesco del regista Evgeny Afineevsky.

Il Papa, però, non si è tirato indietro ad approvare la risposta data dalla Congregazione ad un dubium portato alla sua attenzione. Questo comportamento ha scatenato Elton John sui social. Il cantante è sposato con il produttore David Furnish ed è padre di due figli, Zachary Jackson Levon, 10 anni, ed Elijah Joseph Daniel, 8 anni.

“Come può il Vaticano rifiutarsi di benedire i matrimoni omosessuali perché ‘sono peccato’, eppure felicemente fare profitto investendo milioni in Rocketman, un film che celebra la mia scoperta della felicità attraverso il matrimonio con David?”, si domanda la popstar britannica su Facebook aggiungendo l’hashtag #ipocrisia.

Il riferimento cinematografico è al coinvolgimento del Vaticano nel Centurion Global Fund, un fondo di investimento internazionale con sede a La Valletta, Malta, col quale sono state finanziate speculazioni edilizie e film come l’ultimo capitolo della saga di Men in Black e lo stesso Rocketman, incentrato sulla vita di Elton John e interpretato da Taron Egerton. Il biopic di Dexter Fletcher, che ha incassato 195 milioni di dollari al botteghino internazionale e ha vinto un Oscar, ha ricevuto, durante il suo sviluppo, circa 1,1 milioni proprio dalla Santa Sede tramite il Centurion Global Fund.

Elton John, Papa Francesco e Laura Pausini
Elton John, Papa Francesco e Laura Pausini (foto: Facebook @EltonJohn @PopeFrancisMovie @LauraPausini)

Coppie omosessuali, benedizione negata: la reazione di Laura Pausini

I commenti al post di Elton John sono indignati: “Questo è lo stesso Vaticano che ha permesso che centinaia di bambini venissero uccisi dalle suore in Irlanda. Questo è lo stesso Vaticano che ha permesso ai pedofili, colpevoli di abusi sessuali, di farla franca”, “Non possono giudicare le persone, non è il loro mestiere. La nostra fede è nelle mani di Dio, non in quelle del Vaticano. Le persone sono persone e Dio ama ognuno dei suoi figli”.

E ancora: “Perché il Vaticano investe denaro in un film? Dovrebbe darlo ai poveri. Dovrebbero dare a ognuno uguali diritti”, “Vi rendete conto che Papa Francesco si è esposto, nei confronti della Chiesa cattolica, affermando che era necessario smetterla di discriminare gli omosessuali?”.

Il dietrofront della Chiesa alla benedizione a unioni di persone dello stesso sesso è stato affrontato anche da Laura Pausini, fresca di nomination agli Oscar 2021 con Io sì (Seen). Il brano contro le discriminazioni è stato scritto per il film Netflix La vita davanti a sé con Sophia Loren ed è candidato alla statuetta come miglior canzone originale.

“Le persone omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia, sono figli di Dio come tutti gli essere umani che vogliono amarsi. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Dobbiamo creare una legge sulle unioni civili per coprire tutti legalmente”, ha spiegato la cantante durante la conferenza stampa di commento alla nomination dell’Academy. La questione è aperta e delicatissima e sicuramente non finirà qui.