I film al cinema dall’11 gennaio: da Chi segna vince a Enea

Sono soltanto sei le novità che si affacciano sugli schermi, alle quali si aggiunge il ritorno di "The Dreamers - I sognatori" di Bertolucci

1
1571
Chi segna vince, The Beekeeper e Enea, tre dei

Sono soltanto sei i nuovi film al cinema dall’11 gennaio, un numero esiguo rispetto alla quantità di titoli arrivati in sala nelle ultime settimane. A queste novità si aggiunge il ritorno sugli schermi di The Dreamers – I sognatori: in occasione dei vent’anni dalla sua uscita, il cult di Bernardo Bertolucci con Eva Green, Michael Pitt e Louis Garrel viene programmato nella versione restaurata in 4K dalla Cineteca di Bologna.

I nuovi film al cinema dall’11 gennaio

Per il resto, si conferma il testa a testa in vetta al box-office tra l’anime Il ragazzo e l’airone del maestro Hayao Miyazaki e la commedia Succede anche nelle migliori famiglie di e con Alessandro Siani. Al terzo posto c’è la sorpresa Perfect Days di Wim Wenders, capace dal 4 gennaio di portare nelle sale quasi 130mila spettatori. Ecco i film al cinema dall’11 gennaio: con la fine delle feste, ci si aspetta stabilità al botteghino.

Chi segna vince

Thomas Rongen (Michael Fassbender) è un coach collerico, alcolizzato e in crisi personale che viene costretto ad allenare la Nazionale di calcio delle Samoa Americane, la squadra più scarsa del mondo reduce dalla peggior sconfitta mai subita nella storia: 31-0 contro l’Australia. Riluttante e amareggiato, Thomas si ritrova tra un presidente di federazione perennemente ottimista (Oscar Kightley), un attaccante trans (Kaimana), un portiere depresso (Uli Latukefu) e una rosa sgangherata di giocatori improvvisati. Ispirato dal documentario Next Goal Wins di Mike Brett e Steve Jamison, Taika Waititi molla (finalmente) i cinecomics e ricostruisce la storia vera di un’amabile banda di perdenti: un classico feel-good movie, ingenuo ma tremendamente godibile.

Il trailer di Chi segna vince

Enea

Figlio della coppia scoppiata Celeste (Sergio Castellitto) e Marina (Chiara Noschese), Enea (Pietro Castellitto) gestisce un sushi bar, ha un fratello (Cesare Castellitto) che non riesce a crescere, fa la corte alla bella Eva (Benedetta Porcaroli) e con l’amico Valentino (Giorgio Quarzo Guarascio) accetta di spacciare 30 chili di cocaina per il boss Giordano (Adamo Dionisi), re delle droga romano. Troppi impegni, che tra una festa e una pippata presto gli sfuggono di mano. Presentato in Concorso a Venezia 80, il secondo film di Castellitto Jr. dopo l’esordio I predatori è l’ennesima tirata contro la famiglia borghese italiana: una commedia grottesca e sanamente cattiva, che nel finale cede e sbrodola.

Il trailer di Enea

The Beekeeper

Adam Clay (Jason Statham) è un ex agente dell’organizzazione internazionale di sicari chiamata Beekeepers. Lasciata quella professione, si è rifatto una vita e si è messo ad allevare le api. Quando la sua amica e vicina di casa Eloise (Phylicia Rashad) muore suicida per essere caduta vittima di una truffa di phishing e derubata di tutti i suoi risparmi, Clay decide di vendicarsi contro i responsabili: un gruppo di ricchi rampolli hi-tech e lupi di Wall Street. Diretto dallo specialista David Ayer, un action a rotta di collo che farà entusiasmare il pubblico appassionato al genere e al suo protagonista.

Il trailer di The Beekeeper

Viaggio in Giappone

Sidonie (Isabelle Huppert) è una scrittrice francese in crisi che vola in Giappone per l’uscita del suo libro di maggior successo. Nonostante la dedizione del suo editore Mizoguchi (Tsuyoshi Ihara) che le ha organizzato un tour per scoprire le tradizioni dell’arcipelago, Sidonie si sente smarrita, soprattutto quando si ritrova faccia a faccia con… il fantasma di suo marito (Auguste Diehl), morto da diversi anni. Da Élise Girard, la regista di Drôles d’oiseaux e Belleville Tokyo, un delicato, dolce e ironico dramma di crescita interiore e rinascita.

Il trailer di Viaggio in Giappone

Deserto particular

Daniel (Antonio Saboia) è un poliziotto sospeso dal servizio perché accusato di uso eccessivo di violenza. Da tempo ha una storia d’amore virtuale con Sara, una ragazza conosciuta online. Quando la donna smette di rispondere ai suoi messaggi, Daniel decide di andare a cercarla: comincia così un viaggio di 2500 chilometri dal Sud al Nord del Brasile. Peccato che lungo la strada nessuno pare riconoscere la persona ritratta nella foto che Daniel mostra a chiunque incontri. Vincitore del Premio del Pubblico alle Giornate degli Autori di Venezia 79, il road movie di Aly Muritiba è una potente e avvincente riflessione sulle contraddizioni del Brasile contemporaneo: l’imperdibile della settimana.

Il trailer di Deserto particular

Peripheric Love

Maria (Iazua Larios) è un’immigrata messicana profondamente religiosa che vive a Torino con il marito, la guardia notturna Giorgio (Fabio Troiano). Quando scopre di essere incinta, nasconde la notizia della gravidanza perché l’uomo si crede sterile e il sospetto di un’infedeltà sarebbe immediato. Divisa tra la lealtà al marito e il desiderio di maternità, Maria si ritrova sempre più lontana da Giorgio: soltanto una gesto di profonda fiducia permetterà a entrambi di ritrovarsi. L’opera prima del regista svizzero Luc Walpoth è un dramma sentimentale sull’instabilità delle relazioni e l’equilibrio necessario per far funzionare una coppia. Nel cast Alessio Lapice, Christina Andrea Rosamilia, Ursina Lardi e Bruno Todeschini.

Il trailer di Peripheric Love

1 COMMENT