Doc – Nelle tue mani, Luca Argentero: “Non è un addio, è solo un arrivederci”

L'attore fornisce le prime anticipazioni sulla seconda stagione del medical drama di Rai 1

Doc – Nelle tue mani ha chiuso col botto. Il finale di stagione della serie di Rai 1 ha incollato allo schermo 8,5 milioni di telespettatori (30,8% di share) per l’ultima puntata di giovedì 19 novembre. Ma è soltanto la conferma di un successo clamoroso. La media d’ascolti è stata pazzesca: 7 milioni 946mila spettatori con il 29,8% di share. Numeri che diventano impressionanti anche sui social: 43 milioni di impression e oltre 3 milioni e mezzo di interazioni.

Doc, ultima puntata fa l’ennesimo record

Il medical drama con Luca Argentero, nonostante le “accuse” di Giuseppe Fiorello, è attualmente in onda in Spagna e in Portogallo, sarà trasmesso in Francia e in Germania ed è stata comprato da Sony Pictures Television per la distribuzione negli Stati Uniti e la realizzazione di un remake americano.

Gli sceneggiatori Francesco Arlanch e Viola Rispoli sono già al lavoro sulla seconda stagione. Cosa succederà al dottor Fanti? La falsificazione dei dati sulla sperimentazione farmaceutica lo porterà lontano dal suo ospedale o Andrea tornerà a capo del suo reparto? Giulia (Matilde Gioli) otterrà davvero il trasferimento? Lorenzo (Gianmarco Saurino) troverà finalmente pace? E Gabriel (Alberto Malanchino) rinuncerà a Elisa (Simona Tabasco) per rientrare in Africa?

Bocche cucite sulla trama, per ora si sa soltanto che il Covid diventerà parte integrante della narrazione. In un’intervista concessa a Repubblica, Argentero ha anticipato quello che vedremo, con tutta probabilità nella seconda metà del 2021.

Sono felice per come è andata e non sono triste perché questo non è un addio, è un arrivederci. Stanno scrivendo gli episodi della nuova stagione: Doc – Nelle tue mani continua.

Un primo piano di Luca Argentero in Doc - Nelle tue mani
Luca Argentero in Doc – Nelle tue mani (foto: Rai/Lux Vide)

Doc Nelle tue mani 2, parla Luca Argentero dopo l’ultima puntata

L’attore confessa che l’aspetto più importante “è che Doc mi ha fatto sentire utile”.

Ogni tanto mi sento un po’ inutile, ma serve anche chi solleva lo spirito. Mi hanno fermato e scritto persone di età diverse. Dai commenti ho capito che c’era l’intera famiglia davanti al televisore, senza litigare per il telecomando. Ora che siamo costretti a stare in casa, immaginare la famiglia riunita mi rincuora.

Il motivo del successo è semplice da capire: gli spettatori si sono resi conto che Doc – Nelle tue mani ha affrontato la realtà, specie quando è difficile e problematica.

Fanti perde tutto: un figlio, la famiglia, i ricordi. Ma ogni personaggio ha la sua storia, un dilemma. Fanti risolve casi complessi, quindi dà speranza, ma Doc affronta tematiche dure, senza perdere l’ironia. Come succede nella vita, che ti strappa una risata anche nelle tragedie: si può sorridere anche a un funerale per un ricordo divertente. Siamo riusciti a raccontare la vita, e le persone si sono lasciate trasportare.