Sigfrido Ranucci vs Bianca Berlinguer: perché i due stanno litigando furiosamente da giorni

Tutto comincia con la puntata di Report che fa scattare i "censori" di Pd, Forza Italia e Italia Viva

0
87
Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci
Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci

Sigfrido Ranucci contro Bianca Berlinguer. Il volto simbolo di Report, la trasmissione di approfondimento più seguita della Rai, contro una delle giornaliste storiche e di punta del servizio pubblico. Cosa sta succedendo tra i due e perché infuria la polemica tra colleghi della stessa rete? Tutto comincia con la puntata di Report andata in onda il primo novembre. Nel servizio Non c’è due senza tre, i giornalisti del programma di Rai 3 pongono dubbi sull’efficacia della terza dose di vaccino anti-Covid e sulla protezione garantita dal farmaco, fanno le pulci ai profitti enormi di Big Pharma e criticano l’approssimazione di alcune scelte fatte dal governo. L’inchiesta manda su tutte le furie il Pd, Forza Italia e Italia Viva, che accusano la trasmissione di diffondere tesi No Vax e No Green Pass. Dopo aver difeso il lavoro della sua redazione in una nota, il conduttore Sigfrido Ranucci replica seccamente anche in televisione, andando ospite di Giovanni Floris a DiMartedì su La7.

Sigfrido Ranucci Bianca Berlinguer: che tensione

L’apparizione di Ranucci nel talk del martedì sera per parlare degli attacchi politici subiti manda su tutte le furie Bianca Berlinguer, rivale diretta di Floris con il suo #Cartabianca. Non solo: l’ospitata del giornalista (e vicedirettore di Rai 3) su La7 avviene nel primo blocco del programma, proprio quello in cui si consuma solitamente il siparietto seguitissimo tra la Berlinguer e il redivivo Mauro Corona.

Stasera sono arrabbiata, ma non posso dirlo ai telespettatori, non sarebbe giusto”, ammette la conduttrice allo scrittore all’inizio del collegamento. La furia, tuttavia, deflagra durante il confronto con Gianluigi Paragone. La Berlinguer fa di tutto pur di non parlare del caso Report, ma il leader di Italexit non ci sta ed esordisce esprimendo solidarietà alla redazione del programma. “Hanno fatto un’inchiesta e in questo Paese fare inchieste che scombinano la narrazione mainstream comporta poi la rabbia o il bavaglio da parte di chi non vuole assolutamente che si faccia un’inchiesta”, è la denuncia di Paragone.

A quel punto, la Berlinguer perde le staffe. “Non mi dà fastidio che se ne parli, ma siccome se ne sta parlando dall’altra parte, dal nostro concorrente, capisci…”, conferma a Paragone. “Non mi avrebbe dato fastidio se se ne fosse parlato qua. Puoi esprimere solidarietà, ma preferirei soprassedere, è dai nostri concorrenti”, taglia corto la giornalista.

Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci
Bianca Berlinguer e Sigfrido Ranucci, sfida a distanza

Bianca Berlinguer arrabbiata con Paragone: la replica di Ranucci

Passa un giorno e Ranucci risponde alle recriminazioni della Berlinguer in un post pubblicato su Facebook, nel quale lascia intendere che nessun programma Rai – nemmeno #Cartabiancalo ha invitato a difendere le sue ragioni.

La mia presenza in un programma diverso dalla Rai è stata autorizzata – puntualizza il giornalista –. Sono in azienda da oltre 30 anni e ho sempre osservato e rispettato le regole, perché non solo sono orgoglioso della Rai, in cui sono stato sempre libero e che mi ha fatto sempre sentire libero di fare il mio lavoro, ma perché ritengo che appartenga al pubblico che paga il canone. Dire che la mia presenza abbia danneggiato l’azienda pubblica è un punto di vista, il mio è diverso. La possibilità di difendere la serietà e il prestigio di una trasmissione storica della Rai anche in un programma di una televisione privata, è un valore aggiunto? Secondo me sì. Soprattutto se altri non ti invitano”.

“Promuovere, come ho fatto la prossima puntata di lunedì è un valore aggiunto? Secondo me sì – conclude Ranucci –. Dunque la mia partecipazione era autorizzata. Lo era invece chi si è fatto intervistare dalla televisione privata mentre portava a passeggio il cane?”.

L’allusione finale è una stoccata esplicita alla Berlinguer. Alcuni mesi fa, la giornalista è apparsa su La7 a Non è l’Arena in un servizio in cui ha concesso un’intervista mentre portava a spasso la sua cagnolina. Ora resta soltanto da capire se l’apparizione di Ranucci da Floris era già programmata prima che scattasse il “telebavaglio” per Report e se le dichiarazioni della Berlinguer “presa alla sprovvista” da Giletti erano solo un espediente per aggirare l’ostacolo della mancata autorizzazione Rai.