Clint Eastwood non si ferma: a 90 anni annuncia il suo nuovo film, Cry Macho

Clint sarà attore, regista e produttore dell'adattamento del romanzo scritto da N. Richard Nash

Nemmeno la pandemia ferma Clint Eastwood. La leggenda di Hollywood, 90 anni compiuti lo scorso 31 maggio, è uno dei soggetti a maggior rischio per il Covid-19. Eppure non ha nessuna intenzione di farsi stoppare dal virus. La “guida morale” del cinema americano girerà un nuovo film con un titolo che già promette molto bene: Cry Macho. Eastwood non sarà soltanto regista, ma anche attore protagonista e produttore del progetto con la sua Malpaso per Warner Bros.

Clint Eastwood, film in arrivo a 90 anni

Cry Macho è basato sul romanzo omonimo scritto da N. Richard Nash nel 1975 e sarà ambientato nel 1978. Eastwood interpreterà Mike Milo, una star del rodeo in declino e allevatore di cavalli che si trova davanti una sfida ben più difficile delle gare sostenute in passato: riportare il figlio del suo ex capo dal Messico al Texas.

Il ragazzino, Rafo, vive un’infanzia difficile con la madre alcolizzata. Milo accetta il compito perché ha bisogno di soldi e gli viene offerta una ricompensa di 50mila dollari. Durante il viaggio, Mike e Rafo imparano a conoscersi e cambieranno i loro piani. L’uomo si innamora di una donna messicana, mentre l’adolescente rivede l’idea che si è fatto del padre, che voleva davvero conoscere per fuggire dall’inferno domestico in cui la madre l’aveva rinchiuso.

Sono molti anni che Eastwood pianifica l’idea di portare sul grande schermo Cry Macho. La prima bozza risale addirittura al 1988, ma in quel caso fu costretto a congelare il progetto per girare Scommessa con la morte, il quinto e ultimo capitolo della saga dell’ispettore Callahan. Il romanzo è poi finito nelle mani del regista Brad Furman (quello di City of Lies – L’ora della verità e The Lincoln Lawyer), che avrebbe voluto realizzarlo nel 2011 con Arnold Schwarzenegger protagonista. Anche quel progetto, però, è naufragato.

La sceneggiatura di questo adattamento, prodotto da Clint con Albert S. Ruddy, è stata scritta dallo stesso Nash insieme a Nick Schenk, già collaboratore di Eastwood ai copioni di Gran Torino e Il corriere – The Mule.

Clint Eastwood in una scena del film Il corriere - The Mule
Clint Eastwood in una scena di The Mule (foto: Warner Bros.)

Clint Eastwood, età non è un problema: arriva Cry Macho

Il sito Deadline rivela che Eastwood ha già iniziato a cercare le location per le riprese, anche se Warner non ha ancora ufficializzato il via libera al progetto né comunicato una data di inizio dei ciak e una d’uscita nelle sale.

Al momento, Clint a parte, non è stato reso noto il nome di nessun altro attore del cast. L’ultimo lungometraggio diretto dal regista è stato Richard Jewell del 2019, basato sulla storia vera dell’agente di sicurezza accusato ingiustamente dell’attentato alle Olimpiadi di Atlanta del 1996.

In quel caso, Clint ha persino sfidato le fiamme di un incendio divampato nei pressi degli studi Warner per terminare il film. Alla polizia che gli ordinava l’evacuazione, la leggenda del cinema ha risposto: “Sto bene. Scusate, ora ho un lavoro da finire”.