Carlo Conti è sempre più vicino alla conduzione di Sanremo 2025

"Il Festival è tornato ai vecchi fasti e qualcuno dice che sono stati i miei a farlo ripartire...", ammette il presentatore ormai in pole per il post-Amadeus

1
633
Un primo piano di Carlo Conti
Carlo Conti

Non c’è tre senza quattro: Carlo Conti si avvicina a grandi passi alla conduzione di Sanremo 2025. Il presentatore toscano, direttore artistico e conduttore del Festival per le edizioni 2015, 2016 e 2017, è ad un passo dalla conferma per il post-Amadeus. In un’intervista concessa al Corriere della Sera, Conti apre alla possibilità concreta di tornare all’Ariston, dove l’ultima volta è riuscito a strappare una media di 10,6 milioni di telespettatori e del 50,7% di share.

Carlo Conti, Sanremo 2025 si avvicina

“Non so se ho ancora l’orecchio musicale giusto”, dichiara Conti con una certa modestia. L’occasione, però, è ghiotta: nel 2025 infatti compie 40 anni in Rai. Era il 1985 quando, insieme alla pubblicazione della hit italo-disco Through the Night a nome Konty, esordì con la conduzione del programma musicale Hit Parade. “Amadeus ha fatto un grande lavoro, ma non si può ragionare sui precedenti, altrimenti dopo Baudo non lo avrebbe dovuto fare più nessuno”, spiega in merito a Sanremo.

Le sue quotazioni hanno nettamente superato quelle di Antonella Clerici e Alessandro Cattelan, Stefano De Martino e Geppi Cucciari, Gerry Scotti e Paolo Bonolis, Laura Pausini e Paola Cortellesi nel toto-nomi per la 75esima edizione della kermesse più amata e seguita dagli italiani. “Il Festival è tornato ai vecchi fasti. Qualcuno dice che sono stati i miei a farlo ripartire. Io questi meriti non me li prendo: l’unico è aver avuto la fortuna di trovare tra le nuove proposte Mahmood, Irama, Gabbani e Ermal Meta, Nigiotti, Caccamo”, sottolinea Conti. Un’indicazione chiara del fatto che Conti è sempre più vicino al ritorno al Festival.

Un primo piano di Carlo Conti
Carlo Conti da Tale e Quale Show al ritorno a Sanremo

Sanremo 2025, Carlo Conti conduttore: e Amadeus?

La notizia dell’ormai più che probabile rientro di Conti a Sanremo arriva nei giorni in cui fa discutere l’intervista concessa dall’agente Lucio Presta al Giornale in merito alla sua separazione da Amadeus. Il conduttore, passato al gruppo Discovery con un contratto da 10 milioni di euro in quattro anni, è finito nel tritacarne mediatico per la ricostruzione che il suo ex manager ha fornito del caso John Travolta a Sanremo, oggetto di un procedimento sanzionatorio dell’Agcom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) per l’ipotesi di pubblicità occulta.

“Mi chiesero se eravamo interessati alla presenza dell’artista ad una cifra molto bassa perché lo sponsor delle scarpe era disposto a pagare la differenza del suo cachet”, ha dichiarato Presta in merito all’ospitata del divo all’Ariston. Non solo: l’agente di Arcobaleno Tre rivela che Amadeus avrebbe chiesto e ottenuto 90mila euro non dovuti dalla Rai sul format di Arena Suzuki. Se quest’indiscrezione venisse confermata, rappresenterebbe la violazione di una delibera della Commissione di Vigilanza che impedisce ad artisti e manager di cumulare compensi dai programmi che già conducono e producono.

1 COMMENT