Addio a Philippe Daverio: è morto il divulgatore pop dell’arte in tv

Si è spento all'età di 70 anni lo storico noto al pubblico televisivo grazie a Passepartout e MUAGG - Il museo aggratis

Storico dell’arte e divulgatore televisivo, docente, saggista ed ex assessore alla Cultura del comune di Milano nella giunta Formentini: Philippe Daverio è stato questo e tanto altro. All’età di 70 anni, il maestro della divulgazione pop è morto per un tumore. Con il suo stile immediato e colorato, Daverio era capace di rivolgersi ad un pubblico molto ampio, utilizzando uno stile esplicativo, semplice e ricco di aneddoti. La notizia della sua scomparsa è stata resa nota dalla regista Andrée Ruth Shammah, direttrice del Teatro Franco Parenti.

Philippe Daverio, morto il critico di Passepartout

“Mi ha scritto suo fratello stamattina per dirmi che Philippe è mancato stanotte. Amico mio, il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina”, ha detto Shammah all’Ansa.

Nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, nella regione francese dell’Alsazia, da padre italiano e madre alsaziana, Daverio era specializzato in arte italiana del XX secolo, dal futurismo e la metafisica alla scuola romana. Nel corso della carriera, ha dato vita a quattro gallerie a Milano e a New York.

Da assessore a Milano si è occupato del rilancio di Palazzo Reale, del suo restauro e del riposizionamento del sistema museale nell’insieme del patrimonio civico.

Opinionista per periodici come Panorama, Liberal e Vogue, lo storico ha ottenuto uno strepitoso successo di pubblico con il libro Museo immaginato, edito nel 2011 da Rizzoli.

Il pubblico televisivo l’ha “scoperto” nel 1999 come inviato speciale della trasmissione di Rai3 Art’è e nel 2000 come conduttore del programma Art.tu.

La popolarità è arrivata però con Passepartout, viaggio per l’Italia nel quale ha condotto il pubblico alla ricerca di quei documenti e fatti artistici che più di ogni altra cosa sono in grado di raccontare con precisione il nostro passato, presente e futuro.

Un primo piano di Philippe Daverio
Philippe Daverio (Foto: www.facebook.com/Philippe-Daverio-16191791954)

Philippe Daverio, tumore porta via lo storico dell’arte amato dalla tv

Negli ultimi anni Daverio ha curato per Striscia la Notizia la rubrica artistica MUAGG – Il museo aggratis. “Ci hai fatto scoprire le bellezze del nostro paese, te ne saremo sempre grati. Ciao Philippe”, scrive su Instagram il tg satirico di Antonio Ricci.

La redazione di Rai3 ha postato un video-tributo tratto da una delle sue ultime interviste al programma Le parole della settimana di Massimo Gramellini. “L’identità culturale è uno dei momenti fondamentali per la formazione di una società”, aveva detto in quell’occasione il critico.

“Mi dispiace molto per la morte di Philippe Daverio, una delle persone più simpatiche, colte e un grande raccontatore di storie. Pasteggiò a Gin Tonic, così, per comprendere la grandezza”, così Luca Bizzarri ha ricordato sulla sua pagina Twitter lo storico dell’arte.