L’Aquila – Grandi speranze, che flop: Rai 1 chiude la fiction

La serie tv sul terremoto, causa bassi ascolti, andrà in onda in prima serata su Rai3 a partire da venerdì 10 maggio

L’Aquila – Grandi speranze è stato silurato da Rai1. La fiction in sei puntate, creata da Stefano Grasso e diretta da Marco Risi, andrà in onda in prima serata su Rai3 a partire da venerdì 10 maggio 2019. Il progetto di Rai Fiction, realizzato da IdeaCinema nel decennale del terremoto, paga a caro prezzo i bassi ascolti dei suoi primi tre episodi. L’esordio, trasmesso martedì 16 aprile, ha debuttato con un buon 13% di share, pari a 3.180.000 spettatori. La seconda puntata è passata però al 10,43% di share (2.442.000 spettatori) e la terza è crollata al 9,4% (2.152.000 spettatori).

L’Aquila Grandi speranze ascolti troppo piccoli

Rai1 ha così deciso di correre ai ripari e passare a Rai3 le ultime tre puntate. Martedì 7 maggio, l’ammiraglia Rai programmerà al posto della serie il film La verità, vi spiego, sull’amore, commedia romantica di Max Croci con Ambra Angiolini, Carolina Crescentini, Massimo Poggio, Edoardo Pesce e Arisa.

Interpretata da un ricco cast, che va da Donatella Finocchiaro e Giorgio Marchesi a Giorgio Tirabassi e Valentina Lodovini, Luca Barbareschi e Francesca Inaudi, L’Aquila – Grandi speranze puntava a raccontare la ricostruzione della città abruzzese a livello intimo e dei sentimenti, come ha sempre spiegato Risi. La fiction però, sin dalla prima puntata, ha scatenato furiose polemiche sui social.

L'Aquila - Grandi speranze
Luca Barbareschi in L’Aquila – Grandi speranze (foto: Twitter @Raiofficialnews)

L’Aquila Grandi speranze cast non salva la fiction

Le scelte di sceneggiatura (la rappresentazione dei giovani protagonisti come bulli dediti a scorribande nella zona rossa della città) e la parlata di alcuni attori (un accento buffo che passa dall’aquilano al romanesco, dal frusinate all’umbro) non hanno convinto il pubblico.

Stefania Pezzopane, parlamentare del Pd e originaria dell’Aquila, ha definito la serie “una brutta cosa che non meritavamo”. “Le ‘nostre speranze’ – ha scritto su Facebook – non le avete né cercate, né comprese. Non c’erano e non ci sono bambini incattiviti organizzati in bande. I nostri figli erano allora lontani, sulla costa o nelle tendopoli, per provare a superare la paura e a ricostruirsi vita e serenità… Aiutateci, o lasciateci in pace. Così ci fate solo danni”. Andrà sicuramente meglio con Un passo dal cielo 5 nella prossima stagione.

L’AQUILA GRANDI SPERANZE? NO! L’AQUILA, GRANDI BUGIE. Una brutta cosa che non meritavamo. Le nostre speranze non le…

Publiée par Stefania Pezzopane sur Mercredi 17 avril 2019
Loading...