Addio a Lando Buzzanca, la compagna Francesca accusa: “L’hanno ammazzato”

L'attore, 87 anni, aveva recitato in oltre 100 film, ma negli ultimi anni aveva smesso di recitare, complici la malattia e numerosi ricoveri

0
220
Un primo piano di Lando Buzzanca
Un primo piano di Lando Buzzanca

È morto a Roma Lando Buzzanca. Uno degli attori più conosciuti della commedia italiana, 87 anni e una lunga carriera da oltre 100 film alla spalle, si è spento a Villa Speranza dove era ricoverato da un mese. Buzzanca aveva trascorso l’ultimo anno in una Rsa, il GMF Medical Center dell’Università Cattolica: colpito da un’ischemia nel 2014, in seguito ad una caduta in casa era stato ricoverato all’ospedale Santo Spirito, poi al Policlinico Gemelli per la rottura di un femore e in un centro di riabilitazione.

Lando Buzzanca: malattia fatale, figli vs compagna

A poche ore dalla morte dell’attore, la compagna Francesca Della Valle ha denunciato che Buzzanca sarebbe stato addirittura “assassinato”. “Tutto quello che ho fatto finora è nulla rispetto a quello farò: da oltre un anno e mezzo denuncio il fatto che avevano abbandonato Lando in una Rsa contro la sua volontà. A ciò si contrappongono menzogne e calunnie di chi vuole nascondere la verità: è stato ammazzato dall’applicazione della legge 604, quella sull’amministratore di sostegno, voluta da chi gli era accanto. L’ho visto il 1° dicembre ed era migliorato, poi in 17 giorni di hospice è peggiorato”, è l’accusa della donna.

“Sono disperata. Non so nulla, non so la verità, lo hanno assassinato”, aggiunge al Corriere della Sera. Della Valle è da anni in aperto conflitto legale con i figli di Buzzanca, Mario e Massimiliano, i quali hanno voluto mettere accanto al padre un amministratore di sostegno per aiutarlo a gestire i beni di famiglia. “È stato un padre parecchio rognoso. Ci ha fatto trottare ma ci ha cresciuto bene, con i sani principi di una volta. Come marito, è rimasto sempre innamorato della propria moglie Lucia. Finché i suoi ricordi erano nitidi, erano rivolti a lei. È stato il suo faro verso la retta via”, dichiara il figlio Massimiliano sempre al Corriere.

Lando Buzzanca e la compagna Francesca Della Valle
Lando Buzzanca e la compagna Francesca Della Valle

Lando Buzzanca: film, luci e ombre

Palermitano classe 1935, Buzzanca aveva debuttato come comparsa in Ben-Hur ma l’esordio vero e proprio al cinema era avvenuto nel 1961 in Divorzio all’italiana di Pietro Germi e nel successivo Sedotta e abbandonata. Il primo grande successo era arrivato nel 1971 con Il merlo maschio di Pasquale Festa Campanile. Campione della commedia sexy nel ruolo del maschio passionale, virile e geloso, ma profondamente sciocco, provinciale e insicuro, aveva inanellato successi clamorosi negli anni Settanta come L’arbitro, Il sindacalista e All’onorevole piacciono le donne. Quest’ultimo, diretto da Lucio Fulci, provocò grande scandalo e venne censurato per oscenità dalla commissione democristiana dell’epoca. Negli ultimi anni, prima del ritiro, aveva recitato soprattutto in teatro e in televisione. Resta memorabile la sua interpretazione del Principe Giacomo nel dramma storico I Viceré di Roberto Faenza.

Dopo la morte della moglie Lucia, avvenuta nel 2010 dopo 57 anni di matrimonio, Buzzanca aveva vissuto una forte depressione, culminata nel 2013 nel tentativo di togliersi la vita. A salvarlo dal baratro fu l’incontro con Francesca Della Valle, quella che è diventata la sua compagna di 35 anni più giovane. “Ha 87 anni, ma sembra ne abbia 115. Era in questo stato già a luglio. In sei mesi ha perso 25-30 chilogrammi”, ha denunciato il suo medico Fulvio Tomaselli in riferimento alle condizioni in cui l’aveva trovato nella Rsa in cui era ricoverato. Il figlio Massimiliano aveva detto di voler denunciare Tomaselli e Della Valle “per tutelare il padre e la sua privacy”.

Per fortuna del pubblico, nella memoria restano la sua simpatia e la sua esuberanza, come in questa apparizione a Canzonissima del 1970 accanto a Raffaella Carrà.