Indiana Jones e gli altri sette film al cinema dal 29 giugno

Arriva l'ultimo Indiana Jones sul grande schermo, accompagnato da una schiera di titoli d'autore: ecco i consigli su cosa non perdere

0
263
Scene di 99 lune, Indiana Jones e il quadrante del destino e A Thousand and One, tre dei nuovi film al cinema dal 29 giugno
99 lune, Indiana Jones e il quadrante del destino e A Thousand and One, tre dei nuovi film al cinema dal 29 giugno

Sono otto i nuovi film al cinema dal 29 giugno, un weekend dominato dall’arrivo di Indiana Jones e il quadrante del destino, l’ultimo capitolo della saga iniziata nel 1981 con I predatori dell’arca perduta. Ma la settimana in sala è stata aperta da tre uscite speciali. Innanzitutto I cavalieri dello Zodiaco, il live action di Tomek Bagiński tratto da manga e anime di culto tra chi è cresciuto negli anni Novanta.

I film al cinema dal 29 giugno

Poi è toccato a un capolavoro assoluto: Casablanca di Michael Curtiz con Humphrey Bogart e Ingrid Bergman, tornato per tre giorni nelle sale nella rassegna che celebra i 100 anni di Warner Bros. Infine, in ricordo di un autentico fuoriclasse del giornalismo italiano, è stato rilanciato Gianni Minà, una vita da giornalista, il documentario che la regista Loredana Macchietti ha dedicato al marito. Per il resto, ecco gli otto film al cinema dal 29 giugno con trame, trailer e suggerimenti di visione.

Indiana Jones e il quadrante del destino

L’80enne Harrison Ford (ringiovanito con le tecniche digitali nei primi 20 minuti di film) rimette per l’ultima volta gli abiti dell’archeologo più famoso della storia del cinema per unirsi alla figlioccia Helena (Phoebe Waller-Bridge) e andare alla ricerca del quadrante del destino ideato da Archimede. Uno strumento ambito da buoni e cattivi perché ha il potere di far viaggiare nel tempo. Diretto da James Mangold, non è il miglior capitolo del franchise ma un’avventura d’addio nostalgica e vecchia scuola, coinvolgente al punto giusto. Nel cast Mads Mikkelsen, Antonio Banderas, Toby Jones, John Rhys-Davies e Shaunette Renée Wilson.

Il trailer di Indiana Jones e il quadrante del destino

A Thousand and One

Inez de la Paz (la cantante Teyana Taylor) è una giovane donna newyorkese che vive nella comunità nera di Harlem, un quartiere in piena metamorfosi sociale e culturale. Appena uscita di prigione, cerca di ristabilire una relazione con il figlio Terry e presto si convince che l’unico modo per redimersi è rapirlo dalla casa famiglia a cui è stato affidato. Premiato al Sundance con il Grand Jury Prize, l’esordio di A.V. Rockwell è una dura e toccante lettera d’amore alla New York a cavallo del millennio, “ma col cuore spezzato” ha spiegato la regista statunitense di origini giamaicane.

Il trailer di A Thousand and One

99 lune

Bigna (Valentina Di Pace) è una ricercatrice specializzata nello studio degli tsunami. Frank (il non professionista Dominik Fellmann) è un gigolo che gestisce un locale underground in Svizzera ma ha deciso di trasferirsi in Cile. I due si incontrano su un’app di dating e da allora non smettono la loro sesso-dipendenza. Costruita in capitoli nell’arco di otto anni (le 99 fasi lunari del titolo), la love story dello svizzero Jan Gassmann è stata il film scandalo di Cannes 2022 nella sezione Acid. Le scene di sesso violento e sadomaso, droga e musica techno sono piuttosto esplicite: finalmente.

Il trailer di 99 lune

Lo sposo indeciso

Gianni Buridano (Gian Marco Tognazzi) è uno stimato filosofo fidanzato con Samantha (Ilenia Pastorelli), ragazza delle pulizie che lavora nell’università dove lui insegna. Legati da un forte sentimento nonostante le loro differenze, i due hanno deciso di sposarsi. Purtroppo, familiari e amici remano contro ma è soprattutto il destino ad accanirsi per impedire le nozze. Scritto e diretto da Giorgio Amato, Lo sposo indeciso che non poteva (o forse non voleva) più uscire dal bagno è una tragicommedia romantica divertente e agrodolce, ispirata al paradosso dell’asino di Jean Buridan: quando scegliere di non scegliere diventa una pessima scelta.

Il trailer di Lo sposo indeciso

Falcon Lake

Bastien (Joseph Engel) è un timido 13enne che sta trascorrendo le vacanze con i genitori nella tranquilla Falcon Lake, località di villeggiatura del Quebec. Quando la loro casa viene invasa da amici di famiglia, Bastien conosce la 16enne Chloé (Sara Montpetit), una ragazza estroversa e amante delle leggende e del folklore locale. Chloé diventa presto la sorella che Bastien non ha mai avuto, un’amica speciale e anche qualcos’altro. L’attrice canadese Charlotte Le Bon debutta alla regia adattando il romanzo a fumetti Una sorella di Bastien Vivès, edito in Italia da Bao Publishing: tra coming of age, commedia adolescenziale e racconto fantastico, un sogno ad occhi aperti sensibile e malinconico.

Il trailer di Falcon Lake

La folle vita

Alex (Jean Le Peltier) e Noémie (Lucie Debay) sono una coppia di innamorati e vogliono un figlio. I loro piani sono sconvolti quando Suzanne (Jo Deseure), la madre di Alex, comincia a manifestare i sintomi di demenza semantica. La donna si comporta in maniera sempre più strana e ormai non può vivere da sola: le sue condizioni di salute richiedono qualcuno che badi a lei. Alle prese con l’arrivo del loro primo bambino, Alex e Noémie si ritrovano così a testare le capacità genitoriali con Suzanne, anziana che la malattia ha trasformata da madre in bambina incontrollabile. Premiato come miglior film al Bergamo Film Meeting 39, un piccolo gioiello dolce, gioioso e profondamente intelligente, scritto e diretta dai belgi Ann Sirot e Raphaël Balboni rifacendosi all’esperienza personale di Balboni con sua madre.

Il trailer di La folle vita

Monte Verità

Nel 1906, un periodo inquieto tra timori e speranze per il futuro, un gruppo di alternativi provenienti da tutto il mondo (tra cui un giovane Hermann Hesse) si trasferisce su una collina sopra Ascona nel Canton Ticino per fondare una comunità ispirata da ideali naturisti, teosofici e anarchici. Tra questi “riformatori” c’è Hanna (Maresi Riegner), moglie e madre viennese in fuga dall’opprimente marito borghese per cercare l’emancipazione attraverso la fotografia. Presentato al Festival di Locarno nel 2021, il film di Stefan Jäger fornisce un’importante testimonianza di un preciso momento storico e sociale: l’utopia libertaria di inizio Novecento, prima che le due catastrofiche guerre mondiali spazzassero via ogni sogno.

Il trailer di Monte Verità

Silent Land

Anna (Agnieszka Zulewska) e Adam (Dobromir Dymecki) sono una ricca coppia polacca che sta per trascorrere le vacanze su un’isola della Sardegna. Contrariamente alle aspettative, la piscina della lussuosa villa dove alloggiano è vuota e i due, ignorando i problemi di siccità, insistono perché venga riempita. Il proprietario si presenta con un operaio straniero per sistemare la situazione, ma il ragazzo ha un terribile incidente a bordo piscina. In apparenza Anna e Adam mostrano di non essere tanto influenzati dall’accaduto, tuttavia quell’evento metterà a dura prova le loro convinzioni morali e la loro stessa relazione. Passato al TIFF 2021, il debutto di Aga Woszczyńska è un apologo sull’alienazione, l’indifferenza nei confronti della realtà e la cattiva coscienza degli occidentali.

Il trailer di Silent Land