I film al cinema dal 23 maggio: da Cannes ecco Furiosa, Marcello mio e Grand Tour

Dodici le novità che si affacciano sugli schermi: tra queste tre titoli freschi di premiere alla Croisette

2
1372
Scene di Marcello mio, Grand Tour e Furiosa, tre dei nuovi film al cinema dal 23 maggio
Marcello mio, Grand Tour e Furiosa: tre dei nuovi film al cinema dal 23 maggio

Sono dodici i nuovi film al cinema dal 23 maggio e tre novità arrivano direttamente dalla selezione di Cannes 77: Furiosa di George Miller, Marcello mio di Christophe Honoré e Grand Tour di Miguel Gomes. In aggiunta, è ancora nelle sale I dannati di Roberto Minervini, passato nella sezione Un Certain Regard e uscito lo scorso 16 maggio. Insomma, una ghiotta scorpacciata di titoli in attesa di sapere a chi verrà assegnata la Palma d’oro.

I film al cinema dal 23 maggio

Le uscite speciali di queste settimana sono tre. A 45 anni dal suo debutto in Italia, Nexo Digital ha riportato sugli schermi dal 20 al 22 maggio il cult Capitan Harlock – L’Arcadia della mia giovinezza, anime pilota della serie in 42 episodi dal manga del maestro Leiji Matsumoto. Nelle stesse date, gli amanti dell’animazione giapponese hanno potuto godere anche di Rascal Does Not Dream of a Knapsack Kid e Rascal Does Not Dream of a Sister Venturing Out, gli anime basati sui light novel di Hajime Kamoshida e Keiji Mizoguchi. Per il resto, ecco la regolare programmazione dei film al cinema dal 23 maggio.

Furiosa

La giovane guerriera Furiosa (Anya Taylor-Joy, da bambina Alyla Browne) viene strappata dal Luogo Verde delle Molte Madri e rapita dal signore della guerra Dementus (Chris Hemsworth), tiranno nomade che vaga per le terre desolate con la sua banda di motociclisti. Nel loro girovagare per il deserto, Dementus e la sua gang si imbattono nella Cittadella su cui regna Immortan Joe (Lachy Hulme) con il suo esercito comandato da Praetorian Jack (Tom Burke). Tra le due fazioni scoppia una guerra e Furiosa ne approfitta per tentare di tornare a casa. George Miller riparte dalla saga western post-apocalittica di Mad Max con questo spin-off e prequel di Fury Road che si conferma un action revenge movie teso e brutale, ingenuo ma efficace.




Grand Tour

Nella Birmania del 1917, il funzionario dell’Impero britannico Edward (Gonçalo Waddington) fugge dal matrimonio programmato con Molly (Crista Alfaiate), la promessa sposa in arrivo da Londra. Edward si mette in viaggio dal Myanmar alla Cina, mentre Molly lo insegue in quello che diventa il suo divertente grand tour asiatico. Apprezzato per capolavori contemporanei come Tabu e Le mille e una notte, il portoghese Miguel Gomes si conferma uno dei registi più affascinanti in circolazione: girato in bianco e nero e con alcune sequenze a colori, il suo sesto lungometraggio è un’esperienza spirituale e politica, tra riflessione sulla colonizzazione e sugli stereotipi di genere e saggio sulla forza delle immagini. Non per tutti, ma da vedere.




Marcello mio

Chiara Mastroianni, la figlia di Marcello e di Catherine Deneuve, è costantemente circondata dalla figura del padre. Alla ricerca della propria identità, decide di cominciare a farsi chiamare Marcello, a vestirsi ed essere considerata come lui. In un primo momento la madre, l’ex fidanzato Melvil Poupaud, gli amici e colleghi, da Fabrice Luchini a Nicole Garcia, non la prendono sul serio. Ma poi iniziano a crederle. Christophe Honoré firma una brillante tragicommedia dell’identità che è soprattutto un sentito omaggio di una figlia a suo padre e un liberatorio distacco dalla sua eredità.




Vangelo secondo Maria

Maria di Nazareth (Benedetta Porcaroli) è una ragazza della Galilea in fuga dal ruolo di sposa a cui vogliono ridurla i suoi genitori. Curiosa e ribelle, Maria immagina di fuggire lontano fino a quando non incontra Giuseppe (Alessandro Gassmann), un uomo umile e saggio destinato a cambiarle la vita. Dal romanzo di Barbara Alberti uscito per la prima volta nel 1979, il regista sardo Paolo Zucca (L’arbitro, L’uomo che comprò la luna) trae un adattamento suggestivo e al passo coi tempi, ma piuttosto sgonfio.




Il caso Goldman

Pierre Goldman (Arieh Worthalter, premiato con il César come miglior attore) è un personaggio controverso della storia francese: intellettuale ebreo e militante di estrema sinistra, con trascorsi da terrorista e criminale. Nel 1975 è processato per la seconda volta con vari capi d’accusa, in particolare l’omicidio di due donne durante una rapina. Difeso dall’avvocato Kiejman (Arthur Harari), Goldman si proclama innocente e accusa la polizia di antisemitismo. Tra accurata ricostruzione storica e thriller giudiziario, Cédric Kahn restituisce il ritratto denso e scomodo di un personaggio ambiguo, destabilizzante e provocatorio.




Chien de la casse

Dog (Anthony Bajon) e Mirales (Raphaël Quenard) sono due amici che vivono a Montpeyroux, nel sonnacchioso sud della Francia. Trascorrono la maggior parte delle loro giornate a zonzo e a farsi dispetti. Il loro legame cambia quando in paese arriva Elsa (Galatea Bellugi), una ragazza con cui Dog inizia una relazione che scatena subito gelosie e insofferenze. L’opera prima di Jean-Baptiste Durand, premiata con due César, è una piccola rivelazione: racconta amicizia, vulnerabilità maschili e vita di provincia con sensibilità e purezza di sguardo.




Samsara

Tra gli adolescenti che vivono nei templi buddisti di Luang Prabang nel Laos c’è un ragazzo che legge a un’anziana il Bardo Thödol, il Libro tibetano dei morti. Quando la donna muore, il suo spirito si mette in viaggio verso l’aldilà fino alla reincarnazione nel corpo successivo: una capra di un villaggio costiero della Tanzania, allevata da una famiglia di pescatori. Premio speciale della giuria Encounters (ex aequo con Orlando, ma biographie politique di Paul B. Preciado) alla Berlinale 2023, l’opera dello spagnolo Lois Patiño è un radicale ed ipnotico esperimento sensoriale, pensato come un’esperienza di meditazione collettiva per il pubblico in sala.




Mya – Un sogno da vivere

Mya (Flora Vona) è una cantante che si esibisce nei pub, ma è ancora costretta a lavorare come cameriera per sbarcare il lunario. Durante un contest, la donna viene notata da Fulvio, un manager che la scrittura per un piccolo tour. Costretta a lasciare il figlio Carlo (Alessio Di Domenicantonio) a una coppia di amici, Mya si mette in viaggio, ma capisce presto che la strada per il successo non è così semplice. Da Federico Moccia, l’autore di Tre metri sopra il cielo, il risultato non poteva che essere un autentico scult. Special guest Gianluca Grignani.




Girasoli

Nel 1963, in un ospedale psichiatrico di Aversa, la giovane infermiera Anna (Gaia Girace) prende servizio nel reparto minorile. È qui, dove è accesa la discussione tra la dottoressa Marie (Monica Guerritore) e il rigido dottor Oreste (Pietro Ragusa) per le nuove cure sperimentali, che Anna conosce e si affeziona a Lucia (Mariarosaria Mingione), una quindicenne ritenuta schizofrenica. Alla sua opera prima, presentata al Torino Film Festival 2023, l’attrice Catrinel Marlon ripercorre la sua infanzia in una sorta di orfanotrofio in Romania con la storia ingenua ma tenera e sincera di un amore impossibile nato per caso tra le mura di un manicomio.

girasoli_trl_prores4444_subeng_24_20240225_8trk (1080p) from SUMMERSIDE MEDIA on Vimeo.

Io e il Secco

Denni (Francesco Lombardo) ha dieci anni e vuole a tutti i costi salvare sua madre Maria (Barbara Ronchi) dagli abusi di suo padre Fabio (Andrea Sartoretti). È per questo che decide di chiedere aiuto al Secco (Andrea Lattanzi), che non è il killer sanguinario che immagina ma un ragazzo sbandato con un disperato bisogno di soldi. Secco finge di accettare l’incarico, ma intende solo derubarlo. Tra dramma e commedia, l’esordio di Gianluca Santoni è una favola per ragazzi in salsa emiliana su un problema importante come quello della violenza domestica.




Tobia e i colori del mondo

Il piccolo Tobia vive insieme al nonno Remo, un anziano che ama raccontargli storie fantastiche. La sua preferita è quella della corona di diamanti colorati che si trova alla fine dell’arcobaleno. Insieme agli amici Luke, Mack e Ava, il cagnolino Fluffy e la gattina Kitty, Tobia convince il nonno ad affrontare il viaggio verso il monte dove è sicuro di aver visto sorgere un arcobaleno. Da Ekaterina Khudenkikh, un’animazione ecologista esclusivamente per famiglie.




A piedi nudi

Artemis Danza, la compagnia di danza contemporanea della direttrice e coreografa ferrarese Monica Casadei, è in tour fuori-teatro in un periodo storico complesso: gli anni della pandemia e delle chiusure di spazi e luoghi di arte e cultura. Scritto da Elena Costa per la regia di Jessica Giaconi e Ricardo Villalba, il documentario mostra le storie quotidiane dei danzatori e racconta le esibizioni, gli incontri, i sogni, le aspettative, le difficoltà e le paure di un gruppo di persone simbolo di quelle di migliaia di professionisti dello spettacolo ritenuti “non essenziali”.




2 COMMENTS