Fedez dimesso, il ‘miracolo’ dell’aumento delle donazoni

0
314
Fedez dimesso, il 'miracolo' dell'aumento delle donazoni
Un primo piano di Fedez

Dopo la notizia improvvisa che ha scosso i suoi fan e gli otto giorni di ricovero, finalmente i media hanno annunciato Fedez dimesso dall’ospedale “Fatebenefratelli” di Milano. L’artista ha sofferto di emorragie legate a una doppia ulcera intestinale mentre era nel reparto di Chirurgia d’urgenza e oncologica, e quando è uscito è stato accolto all’uscita dal padre Franco Lucia e, poco dopo, dalla moglie Chiara Ferragni.

Dopo un primo episodio di sanguinamento, il rapper ha subito un secondo episodio, ma grazie a un’endoscopia è stato prontamente assistito. Le notizie positive sul suo stato di salute, unite alla speranza di una stabilità nel suo miglioramento, fanno ben sperare per il suo ritorno al tavolo dei giudici alle nuove puntate di X Factor, che inizieranno l 26 ottobre.

Fedez dimesso: importanza e l’eco del suo ringraziamento

Una volta che finalemente abbiamo visto Fedez dimesso, il seguitissimo cantante ha voluto ringraziare il personale del Fatebenefratelli e in particolare il professor Zappa, ma in particolare si è concentrato sui generosi donatori di sangue che hanno reso possibile il suo recupero. Il rapper, infatti, ha ricevuto ben tre trasfusioni, sottolineando l’importanza vitale della donazione di sangue.

Fedez dimesso, il 'miracolo' dell'aumento delle donazoni
Un primo piano di Fedez

Con un piccolo effetto ‘valanga’, il suo importante messaggio ha avuto delle conseguenze quasi tangibili: pare, infatti, che dopo le sue parole in centinaia si sono presentate per donare sangue presso l’Avis Lombardia domenica 8 ottobre. Secondo il presidente Oscar Bianchi “un afflusso eccezionale, dieci volte tanto una normale domenica“.

Insomma, l’appello di Fedez ha raggiunto un vasto pubblico, in particolare giovani compresi tra i 18 e i 35 anni, ed è proprio a loro che il cantante si è rivolto sui suoi canali social, con enorme felicità: “Sono molto felice, si è generato un effetto a catena che non mi aspettavo, grazie a tutti“.