Luca Barbareschi sui figli: “Non gli darò un euro di eredità”

Per tanti figli d’arte che decidono di seguire le orme dei genitori, ce ne sono tanti altri che invece ‘beneficiano’ semplicemente di una carriera di successo e di una vita agiata e confortevole: dopo quello che ha dichiarato Luca Barbareschi sui figli, tuttavia, viene da chiedersi se invece per la loro famiglia non sia diversa l’attitudine!

La teoria di Luca Barbareschi sui figli: “Non vedranno un euro dell’eredità”

Attore, produttore, regista, lo abbiamo visto da poco nel curioso esperimento cinematografico di Fabio Resinaro “DolceRoma” e nel salotto TV di ‘Io e te’,condotto da Pierluigi Diaco e andatoin onda il 24 luglio. In occasione di questa chiacchierata a cuore aperto, sono venute fuori alcune opinioni molto personali di Luca Barbareschi sui figli:

luca barbareschi sui figli

Ho tolto l’eredità a tutti i miei figli – ha dichiarato l’attore di Cannibal Holocaust – Nessuno di loro avrà un euro ma ho dato a tutti l’opportunità del lavoro. Io sono nato in Uruguay, ho passaporto uruguaiano, ho il passaporto italiano e avendo lavorato tanto in America ho anche il passaporto americano honoris causa. Questo mi ha dato il privilegio di poterlo dare a tutti i miei figli per cui tutti e sei hanno il passaporto uruguaiano, il passaporto italiano e il passaporto americano. Cosa vuol dire questo? – spiega – Che loro possono lavorare in America, in tutto il Mercosur cioè dall’Argentina al Messico e in tutta l’Europa. Tutti hanno studiato in università che costano un milione di euro per l’educazione di quattro anni”.

“Tutti i figli dei ricchi diventano dei cretini”: ecco come l’attore prova a cambiare rotta

Insomma, secondo lui “i figli dei ricchi diventano cretini, ma non sono cretini. Il cervello è un muscolo e va allenato. Se tu non studi e non elabori, il cervello s’impigrisce”. Che ne pensate, siete d’accordo con questa decisione per il futuro dei suoi ragazzi?

Loading...