I film al cinema dal 6 febbraio: cosa vedere e cosa no

Arrivano nelle sale la Harley Quinn di Margot Robbie e Riccardo Scamarcio on the road con il figlio

Sono appena tre i nuovi film al cinema dal 6 febbraio 2020. C’è da capirlo: è la settimana di Sanremo e i distributori hanno paura. Il maggior numero di schermi lo ottiene il ritorno della Harley Quinn di Margot Robbie, protagonista di uno standalone sulla ex fidanzata di Joker. Abbastanza staccate le altre novità della settimana, tra le quali è da non perdere la commedia politica Alice e il sindaco di Nicolas Pariser. Da segnalare che, a 40 anni dalla scomparsa di Peter Sellers, Il dottor Stranamore di Stanley Kubrick è in un pugno di sale (la versione restaurata in 4K) grazie alla prodigiosa Cineteca di Bologna. Ecco trame, trailer e i nostri consigli su cosa vedere e cosa no.

Margot Robbie e Riccardo Scamarcio in due dei tre film al cinema dal 6 febbraio
Birds of Prey e Il ladro di giorni, due dei tre film al cinema dal 6 febbraio

Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)
La psicopatica Harley Quinn di Margot Robbie si merita un film tutto suo dopo essere diventata l’unico personaggio degno di nota nel pessimo Suicide Squad. Stavolta la troviamo insieme ad altre tre supereroine – Black Canary (Jurnee Smollett-Bell), Huntress (Mary Elizabeth Winstead) e Renee Montoya (Rosie Perez) – intente a salvare la vita della piccola Cassandra Cain (Ella Jay Basco) dal perfido signore del crimine Roman Sionis (Ewan McGregor). La formula è sempre la stessa dell’universo DC, declinata al femminile: prevedibile fino alla noia. Riuscirà a scalzare Odio l’estate dalla vetta del box office?

I film al cinema dal 6 febbraio

Il ladro di giorni
Dopo Là-bas – Educazione criminale e Take Five, il regista napoletano Guido Lombardi porta al cinema il suo romanzo omonimo, edito da Feltrinelli. Riccardo Scamarcio è Vincenzo, un ex criminale uscito di galera dopo sette anni. Il giorno della prima comunione del figlio Salvo (Augusto Zazzaro), decide di presentarsi da lui e portarlo con sé in viaggio verso il sud. Un on the road dal Trentino alla Puglia sul rapporto padre-figlio, un mélo dei sentimenti che si trasforma in noir e (purtroppo) anche in una sequela di situazioni schematiche e inverosimili. Peccato.

Tutti i film al cinema dal 6 febbraio 2020

Alice e il sindaco
Fabrice Luchini è Paul Théraneau, lo storico sindaco di Lione. Dopo trent’anni di politica e la possibilità di candidarsi alla presidenza della Repubblica, ha capito che il suo tempo è finito. Il partito (il riferimento è ai disastrati socialisti francesi) decide allora di farlo affiancare da Alice Heimann (Anaïs Demoustier), una giovane e intelligente filosofa rientrata da poco in patria. Quando Paul ritrova la passione e la voglia di combattere neofascismo e ordoliberismo, la macchina si inceppa. Due interpreti straordinari, una regia (di Nicolas Pariser) sicura e commovente, una riflessione potente sul destino della politica progressista oggi: da vedere.

Loading...