Elena Sofia Ricci in Vivi e Lascia Vivere: “Recito con mia figlia”

Arriva una nuova fiction sulla Rai da giovedì: a partire dal 23 aprile, infatti, vedremo Elena Sofia Ricci in Vivi e lascia vivere, la nuova produzione BiBi Film per Raifiction con la regia di Pappi Corsicato. La trama ruoterà intorno a Laura, che si trova a dover dire ai figli che il padre, che vive in un paese lontano, è deceduto. Una crisi da gestire e tante energie da mettere in campo per la protagonista, che per non lasciarsi abbattere dalle difficoltà si sperimenta in un’attività autogestita: una piccola impresa di streetfood fatto in casa.

Il ruolo di Elena Sofia Ricci in Vivi e Lascia Vivere

Una storia di rivincite, di reazioni al cambiamento, di spinte vitali: un bel ruolo quello di Elena Sofia Ricci in Vivi e Lascia Vivere, soprattutto per questo periodo. Ecco come lo commenta: «In effetti è un personaggio diverso; non la solita madre coraggio che nella realtà non esiste, ma una creatura pragmatica, sfrontata, ruvida. Travolta da uno tsunami che le porta via marito e lavoro, si trova ad un bivio: crollare oppure rinascere. Allora si rimbocca le maniche, tira fuori tutta la grinta che ha e ne ha – per reinventare sé stessa e la propria vita. Già: più o meno quel che presto dovremo fare tutti noi».

elena sofia ricci in vivi e lascia vivere

Insieme a lei nel cast ci sono anche Iaia Forte, Silvia Mazzieri, Bianca Nappi, Teresa Saponangelo: «Al contrario di quanto comunemente si dice credo che fra noi donne si sia più solidali di quanto lo siano gli uomini fra di loro. Io poi non mi ritengo competitiva. Troppo pigra, per esserlo. Avrò almeno dieci o venti amiche del cuore, quando tutte le altre ne hanno al massimo due o tre».

Ma anche Emma Quartullo, sua figlia (nella vita reale): «L’idea l’ha avuta Pappi Corsicato. Mi ha chiesto il permesso di coinvolgerla. Emma ha 23 anni – ho risposto – chiedilo a lei. In realtà Emma si è laureata in regia al Dams, ma ha sostenuto lo stesso il provino. Vincendolo alla grande: non solo per la somiglianza fisica ma per aver subito centrato il personaggio. A tua madre spiegaglielo tu, come entrare nel ruolo, le ha addirittura detto Pappi. Quanto a me, ho cercato di stare al posto mio, d’interferire il meno possibile. Sono già abbastanza ingombrante in casa per esserlo anche sul set. Però ho avuto subito una soddisfazione. Alla fine della prima giornata di lavoro Emma è tornata a casa distrutta: Non sbufferò più quando tu tornerai a casa dicendo che sei a pezzi.”

Qualche scena ‘senza veli’, come è capitato alla bella attrice anche di recente in ‘Loro’, di Sorrentino: «Non amavo interpretare scene di quel tipo a vent’anni; speravo che a 50 mi venissero finalmente risparmiate! Invece prima Paolo Sorrentino, ora Pappi Corsicato, sono tornati alla carica. Le ho girate. Ma non so come siano perché non le ho viste. Comunque tranquilli: sempre di una serie per Raiuno si tratta».

Rispetto all’emergenza attuale, facendo un piccolo parallelo con il suo personaggio, ha dichiarato: «Quanto accade avremmo potuto immaginarlo solo nel peggiore dei film di fantascienza. Ma ora che lo viviamo, che almeno ci serva a capire quanto la nostra vita di prima fosse sbagliata. Eravamo troppo edonisti, troppo superficiali».