Detto Fatto nella bufera per il tutorial della “spesa sexy”: il programma a rischio cancellazione

Il video per fare una spesa "sensuale" affidato alla pole dancer Emily Angelillo costa caro alla trasmissione di Rai 2

3
171

Nel giorno che precede la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, gli autori di Detto Fatto hanno pensato bene di mandare in onda un tutorial che ha fatto indignare il pubblico di Rai 2. Il video in questione vede la pole dancer Emily Angelillo dare consigli alle spettatrici su come fare la spesa “in modo sensuale”. Il tutorial, come in una commedia sexy degli anni ’70, indugia sulle forme della ballerina, che insegna come muoversi sinuosamente tra le corsie del supermercato, chinarsi a raccogliere un prodotto o allungarsi su uno scaffale mettendo in bella mostra il proprio corpo.

Detto Fatto sospeso: tutorial spesa punito da Rai 2

Gli utenti sui social hanno subito notato il tutorial e l’hanno immediatamente segnalato per il contenuto volgare, becero e sessista.

Il primo ad intervenire è il direttore di rete, Ludovico Di Meo.

Detto Fatto è una trasmissione che ha la sola aspirazione, se possibile, di far divertire. Il programma ieri, è incappato in un gravissimo errore, non certamente voluto, del quale io per primo mi scuso con le telespettatrici e i telespettatori.

Di Meo sostiene che “nonostante non fosse nelle intenzioni avvalorare stereotipi femminili negativi – che tutti sono d’accordo nel biasimare e condannare – si è sopravvalutata la carica ironica a dispetto di una chiave che è risultata chiaramente offensiva”.

Il direttore si impegna ad “indagare sull’accaduto e sulle responsabilità, e garantire che questo non accada più in futuro: sarebbe contrario allo spirito del programma e ai valori civili della conduttrice, degli autori, e di Rai 2”.

Il primo segnale è arrivato mercoledì 25 novembre: Detto Fatto è stato sospeso e non è andato in onda come di consueto. La decisione è stata presa dall’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini. Ma la trasmissione condotta da Bianca Guaccero ha sollevato un polverone anche nel mondo della politica.

“La donna è stata offesa con stereotipi inaccettabili”, ha dichiarato Valeria Fedeli, capogruppo del Pd nella commissione parlamentare di Vigilanza Rai.

“Il tutorial è una pagina di televisione deprimente e umiliante per la dignità delle donne. In verità ne servirebbe uno su come fare servizio pubblico senza calpestare il valore e la storia della Rai”, ha scritto su Twitter il sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella.

“Quanto accaduto chiama pesantemente in causa anche i vertici della Rai a partire dall’ad Salini. In questi ultimi giorni il servizio pubblico ha dimostrato più volte una mancanza di guida editoriale, se non peggio sciatteria, con implicazioni gravissime sugli obblighi del contratto di servizio”, ha precisato Michele Bordo, membro della Vigilanza sempre in quota Pd.

Emily Angelillo e Bianca Guaccero a Detto Fatto
Il tutorial di Emily Angelillo a Detto Fatto (foto: RaiPlay)

Detto Fatto cancellato? Parla Bianca Guaccero

La puntata incriminata è stata cancellata da RaiPlay. Anche oggi Detto Fatto non va in onda: al suo posto Rai 2 trasmette uno speciale del Tg in memoria di Diego Armando Maradona. Non è ancora chiaro se la sospensione si trasformerà in una definitiva cancellazione.

Nel frattempo, sono arrivate via Instagram le scuse di Bianca Guaccero. La conduttrice si è assunta “parte della responsabilità di ciò che è accaduto” e chiede scusa a tutti “per la superficialità con cui è stata gestita questa situazione da parte di tutta la nostra squadra”.

Sono certa della buona fede del gruppo autorale che lavora da mesi, cercando di confezionare, con grandissima fatica, un programma dignitoso e allegro nonostante tutte le difficoltà della situazione pandemica che stiamo vivendo.

Secondo la showgirl, il tutorial “doveva aderire a dei toni comici e surreali, da non prendere sul serio, ma che stavolta ci sono venuti male”.

Mi scuso io a nome di tutta la mia squadra, con tutte quelle persone che si sono sentite colpite da questo triste siparietto. Come sempre ho fatto nella mia vita, mi adopererò affinché tutto questo non succeda mai più”.

3 COMMENTS