Barbara d’Urso fa a pezzi Mediaset: “Modi inaccettabili, mi hanno lasciato a casa in pochi giorni”

La conduttrice, fatta fuori da "Pomeriggio Cinque" e con il contratto in scadenza a dicembre senza rinnovo, tuona contro il Biscione: "Mi hanno ferito profondamente"

1
415
Un primo piano di Barbara d'Urso
Un primo piano di Barbara d'Urso

Durissima reazione di Barbara d’Urso nei confronti di Mediaset. Alla conduttrice non è stato rinnovato il contratto (in scadenza a dicembre) dall’azienda, è stata fatta fuori da Pomeriggio Cinque (al suo posto nella stagione 2023-2024 arriverà Myrta Merlino) e non ha altri progetti in vista sulle reti del Biscione. In un’intervista concessa a Repubblica proprio nel giorno della presentazione dei palinsesti del network, la presentatrice fornisce la sua versione dei fatti e non è tenera verso i vertici di Cologno Monzese.

Barbara d’Urso cacciata da Mediaset: cos’è successo

“Ne ho sopportate tante – forse un giorno lo racconterò – ho messo la testa sotto l’acqua, perché lavoravo con passione. Ma questa volta no”, ammette la D’Urso. Il rapporto con Mediaset si sarebbe incrinato definitivamente lo scorso marzo, quando dal profilo Twitter ufficiale di QuiMediaset è partito per sbaglio un cinguettio che criticava ferocemente (e con epiteti volgari) l’apparizione della conduttrice di Canale 5 a Domenica In, ospite di Mara Venier.

Il 26 marzo ero a teatro a Bari, su Canale 5 andava in onda Verissimo e su Rai 1 Domenica In, col mio videomessaggio di 90 secondi per la mia amica Gabriella Labate, la moglie di Raf. Messaggio autorizzato dal direttore delle news Crippa e da Restelli. Bene. Sull’account QuiMediaset esce il seguente tweet: “Che cosa antipatica. Troie mi pare azzeccato Silvy”, sotto la foto mia e di Mara. Resta solo 2 minuti, chi ha le chiavi per entrare lo cancella. L’account dichiara di essere stato hackerato e il giorno dopo QuiMediaset si scusa con le persone offese e i follower ammettendo che è stato un errore interno. Nessuno mi chiede scusa, in fondo sono stata chiamata “troia”, ho due figli che non vogliono mai apparire, si sono chiesti: possibile che l’azienda dove lavora da anni la chiami troia? Dopo tre giorni il capo della comunicazione mi chiede scusa privatamente ammettendo che tutto è partito dal suo piccolo gruppo di persone che si occupa, appunto, della comunicazione.

Da quei giorni la D’Urso comincia a pensare “che forse a Mediaset non ero più gradita”. La presentatrice ne parla con il suo agente, Lucio Presta, e incontra Marco Leonardi, l’ex amministratore delegato di Mediaset Premium che ha preso il posto di Giorgio Restelli come direttore delle Risorse artistiche. La direzione di Mediaset vuole rinnovarle il contratto per altri due anni, “alle stesse condizioni economiche e editoriali”. Tuttavia, qualcosa si è rotto.

Barbara d'Urso all'ultima puntata di Pomeriggio Cinque
Barbara d’Urso all’ultima puntata di Pomeriggio Cinque (foto: MediasetInfinity)

Barbara d’Urso licenziata: “I modi sono inaccettabili”

La D’Urso attende una segnale dall’editore, sicura di poter contare sulla conduzione di Pomeriggio Cinque e di un programma di prima serata su Canale 5. Comincia comunque a guardarsi intorno, tra la Rai e altre reti. Ma Pier Silvio Berlusconi è inamovibile: “fino a dicembre è con noi, troveremo altre cose”, le fa sapere. Da quel momento, il silenzio. Soltanto il 28 giugno la presentatrice viene a sapere che dopo 15 anni non condurrà più Pomeriggio Cinque.

I modi sono inaccettabili. Mi hanno ferito profondamente: prendi questa decisione senza dirmi nulla e senza darmi la possibilità di salutare i miei spettatori. Fabio Fazio è andato via e ha salutato tutti, come Serena Bortone. Io non ho potuto ringraziare nessuno. E il comunicato: non ho concordato niente, mi hanno lasciato a casa in pochi giorni.

Adesso fino a dicembre resterà a Mediaset come da contratto, poi si vedrà. Non sono vere le indiscrezioni che la vogliono nel sabato sera di Rai 1, giudice di Ballando con le stelle.

A chi dice che Berlusconi l’ha tagliata perché vuole ripulire le sue reti dal trash, la D’Urso risponde per le rime.

Che cos’è trash? Una volta per tutte. Perché fino a tre anni fa a Live – Non è la d’Urso a mezzanotte e mezza i personaggi non erano di serie A? Primo: col budget che man mano si era ridotto chi chiamavo? Secondo: io da anni conduco Pomeriggio Cinque col tailleur, occupandomi rigorosamente di cronaca, e perché continuano a dirmi trash? Se fossi trash, col programma sotto testata giornalistica avrei un richiamo dal Cdr, mai successo. Anche i giornalisti che lavorano con me sono trash? Vedo su Canale 5 cose molto molto trash: non solo non vengono fermate, ma vengono esaltate.

1 COMMENT