Balli, baci e abbracci, ma le norme anti-Covid? Bufera su Belen e i vip alla festa al Sanctuary di Milano

All'inaugurazione del club, patrocinato dal Comune di Milano, molti vip sono stati avvistati senza mascherine e in pieno assembramento

0
94
Belen Rodriguez e il fidanzato Antonino Spinalbese e le scene viste sui social al Sanctuary
Belen Rodriguez e il fidanzato Antonino Spinalbese e le scene viste sui social al Sanctuary

Belen Rodriguez e il fidanzato Antonino Spinalbese, l’ex corteggiatrice diventata manager Eliana Michelazzo e l’influencer Soleil Stasi. Sono soltanto alcuni dei numerosi vip che hanno partecipato al sabato sera bollente del The Sanctuary di Milano, un locale esclusivo inaugurato in zona Scalo Lambrate. Il posto è un deposito ferroviario di 1500mq trasformato in “un’oasi metropolitana da un’intera community di artigiani e artisti”. Nei profili ufficiali tutto sembra rispettare le norme anti-Covid, ma poi escono video e storie sui social che testimoniano il contrario: niente mascherine e distanziamento, zero rispetto di coprifuoco e assembramenti. Ciliegina sulla torta: il club ospita alcune fotografie della mostra Once Upon a Time in 2020, dedicata dal giovane artista Fabrizio Spucches alla pandemia.

The Sancturay Milano: Belen tra i vip invitati

Belen e Antonino, presto genitori della loro bimba Luna Marì, sono arrivati in compagnia di alcuni amici. La coppia ha cenato in un’area riservata del locale ma non troppo distante dagli altri tavoli e la showgirl argentina ha postato numerose Stories sul proprio profilo Instagram.

I video diffusi in rete sono stati subito cancellati ma qualche traccia è rimasta e ha mandato su tutte le furie chi l’ha vista. È il caso del trapper Gemitaiz, che su Instagram ha commentato quelle immagini senza peli sulla lingua: “Questa è Milano sabato sera. Andate a fanculo. Vi odio con tutto il mio cuore. Pensate davvero che non abbiamo tutti voglia di fare festa? Spero che vi rintraccino uno a uno e ve le facciano pagare, quelle botte di coca vi devono costare migliaia di euro”.

In un post successivo, Germitaiz è ancora più duro: “Siete delle merde! Siete quattro fricchettoni di merda con i soldi di papà che vi pippate la cocaina, dovete scoppiare tutti. In Italia nessuno c’ha mai le palle di dire un cazzo, nessuno che si espone. Neanche se ci sono i locali di mongoloidi con la pandemia che fanno le feste. Mortacci vostra. Ci voglio venire al Sanctuary sì, a bruciarlo”.

Belen Rodriguez e il fidanzato Antonino Spinalbese e le scene viste sui social al Sanctuary
Belen Rodriguez e il fidanzato Antonino Spinalbese e le scene viste sui social al Sanctuary

The Sancturay Milano, assembramenti e balli: che dice Lucarelli?

Il paradosso è che il The Sanctuary è nato su un’area di proprietà del Comune di Milano e nella serata inaugurale è stato coinvolto anche Fabio Lucarelli, fratello della giornalista Selvaggia, la stessa che sui social tuona contro gli assembramenti inadeguati dei giovani alla Darsena a Milano. La blogger si è giustificata nel corso di una diretta con il blog di Davide Maggio: “Io non c’entro con quello che decide di fare mio fratello e gliel’ho detto che i comportamenti non erano appropriati”.

Intanto il locale, sulla propria pagina Facebook, si è scusato per l’accaduto: “Abbiamo sbagliato. Abbiamo sottovalutato la voglia di divertimento e di socialità della persone e non siamo riusciti a controllare gli ultimi momenti di quella che doveva essere una presentazione privata per i nostri amici più stretti”.

The Sanctuary ricorda che lo spazio è stato “strappato al degrado” e ha “tra i suoi valori fondamentali il rispetto per la comunità in cui vive: collaboriamo da tempo con le istituzioni per la sicurezza ed il controllo del territorio, e con la protezione civile mettendo a disposizione i nostri locali come centro di smistamento per la distribuzione di beni di prima necessità”.

Il club chiede scusa “a tutti quelli che abbiamo offeso e ancor più a coloro che stanno lottando contro questa terribile malattia” e promette che “quel che è accaduto il sabato precedente è stato un grosso errore che non si ripeterà”.