Il padre di Elena di Cioccio: “Cose che non stanno né in cielo né in terra”

0
421
padre di elena di cioccio

Per chi non lo ricordasse, il padre di Elena di Cioccio è proprio il Frank di Cioccio della Premiata Forneria Marconi (PFM): di recente, il musicista avrebbe commentato – riporta l’Ansa – che sua figlia “ha detto cose che non stanno né in cielo né in terra” nel suo libro biografico ‘Cattivo sangue‘, uscito nelle librerie lo scorso 4 aprile.

È stato proprio con questo libro, infatti, che il celebre volto de Le Iene ha confessato a tutti di essere si3ropositiva da 21 anni, e non solo: tra le sue confessioni, ce n’è proprio una che riguarda il rapporto con il padre, con cui lei racconta di non aver più contatti significativi.

padre di elena di cioccio

Mia figlia è qui, è pensabile che io sia così?” ha commentato il padre di Elena di Cioccio, riferendosi all’altra figlia, Cinzia, che ha deciso di essere presente allo showcase del nuovo della storica band, “The event – Live in Lugano’ – “Ho letto e non sono interessato“, ha aggiunto, spiegando che “questo libro l’ha resa famosa ma deve capire che deve rendere conto alle persone, non a me“. Secondo lui, infatti, Elena avrebbe “un rapporto conflittuale con sé, non si possono scrivere cose così, forse per lei è un modo di venirne fuori”.
   

Le parole della sorella e del padre di Elena di Cioccio

Frank di Cioccio fa riferimento, in particolare, ad episodi molto personali e molto forti che la 48enne racconta nelle pagine del libro, come ad esempio quando la mamma Anita Ferrari si è tolta la vita, sette anni fa. “Non ho niente da perdonare, se vuole vendere libri…” ribadisce suo padre, a cui fa eco la primogenita Cinzia, che specifica che quella di Elena “è una visione, io non sono stata una bambina traumatizzata, ma le scelte sono personali“. Riguardo alla scelta di voler raccontare un trauma familiare come quello della madre, la sorella la definisce anche questa “una scelta, quella di mia madre, che richiede profondo coraggio e per cui ho grande rispetto […] Ognuno – conclude – vive l’infanzia e i genitori dal suo punto di vista, io sono grata aver avuto genitori così che mi hanno resa ciò che sono“.