Fra due battiti, il trailer del film di Stefano Usardi con Stefano Scandaletti e Remo Girone

0
258
Fra due battiti di Stefano Usardi
Fra due battiti di Stefano Usardi

Fra due Battiti, diretto da Stefano Usardi con protagonisti Stefano Scandaletti, Remo Girone, Maria Vittoria Barrella, Roberta Da Soller, Stefano Pietro Detassis, Victoria Zinny e Giulio Cancelli.

Da una sceneggiatura dello stesso Stefano Usardi, la pellicola segue la storia di Giovanni è un giovane scrittore che vive a Trento nella villa lasciatagli in eredità dai genitori scomparsi. Passa le sue giornate girovagando in città alla continua ricerca di nuove avventure e ispirazioni. Prodotto dalla bellunese FiFilm Production di Caterina Francavilla, Fra due Battiti sarà presentato il 25 marzo presso l’OffiCinema Feltre, 29 marzo al Cinema Esperia di Padova e il 31 marzo al Cinema Lumiere di Belluno e al Cinema Modena di Trento.

Fra due battiti, è un racconto di anime e di persone, di incontri e di doppie verità che gioca sull’interpretazione di un misterioso Remo Girone, con protagonista Stefano Scandaletti a fianco di Giulio Cancelli, Federico Vivaldi, Maria Vittoria Barella e Stefano Detassis.

Fra due battiti, con Stefano Scandaletti e Remo Girone

Fra due battiti di Stefano Usardi
Fra due battiti di Stefano Usardi

Trailer ufficiale di Fra due battiti, di Stefano Usardi

Giovanni (Stefano Scandaletti) vive a Trento nella villa lasciatagli in eredità dai genitori scomparsi. Passa le sue giornate girovagando in città alla ricerca di nuove situazioni dal momento che Marc, un atipico sceneggiatore, gli crea a sua insaputa emozionanti frammenti di vita. L’intero meccanismo è gestito dall’estroso maggiordomo di casa (Remo Girone), che passa le giornate a riscrivere spartiti di Schubert.

L’unica vera preoccupazione di Giovanni è scrivere un libro sulle emozioni per aiutare Tommaso, che un giorno d’estate ha dimenticato la figlia in macchina mettendone a rischio l’esistenza, ad apprezzare la vita. Tutto si complica con l’arrivo di Rosa, la ragazza di cui Giovanni si innamora tralasciando il libro, che disinnesca l’artificio di tutta la messa in scena. In questa situazione ai limiti del paradossale Luca, uno scrittore in crisi esistenziale, cerca di scrivere materialmente il libro perché Giovanni si rifiuta di lasciare un segno tangibile di sé.

Ma una volta rotto il meccanismo Marc perde il lavoro e Rosa scopre la continua irrealtà delle situazioni in cui vive Giovanni e decide di non frequentarlo più, cosa che fanno tutti visto che la stesura del libro non procede. In estrema difficoltà Giovanni trova uno stravagante modo per sistemare apparentemente le cose. In una continua alternanza tra realtà e finzione le cose non sempre appaiono per quello che sono.