Dal ritorno dell’Esorcista a Volevo un figlio maschio: tutti i film al cinema dal 5 ottobre

Sono addirittura 13 le novità in arrivo nelle sale per il primo weekend di ottobre: ecco una guida per orientarsi

0
320
Scene di Volevo un figlio maschio, L'esorcista - Il credente e L'imprevedibile viaggio di Harold Fry, tre dei nuovi film al cinema dal 5 ottobre
Volevo un figlio maschio, L'esorcista - Il credente e L'imprevedibile viaggio di Harold Fry

Sono 13 i nuovi film al cinema dal 5 ottobre, una ricca infornata di titoli che soddisfano tutti i gusti. In sala per il primo weekend del mese ci sono horror, commedie, thriller, animazioni per famiglie, documentari e film d’autore. Il maggior numero di copie spetta al reboot del cult L’esorcista e al ritorno alla regia di Neri Parenti con Volevo un figlio maschio. Ma non finisce qui perché la settimana si è aperta con due uscite speciali.

Tutti i nuovi film al cinema dal 5 ottobre

Nexo Digital ha portato al cinema per tre giorni Vermeer. The Greatest Exhibition, documentario di David Bickerstaff sulla mostra al Rijksmuseum di Amsterdam dedicata al maestro della luce. La Cineteca di Bologna, nell’ambito del Cinema Ritrovato al Cinema, ripropone il classico Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders nell’edizione restaurata in versione 4K a partire dal negativo originale. Per il resto, ecco la regolare programmazione nelle sale per i film al cinema dal 5 ottobre.

L’esorcista – Il credente

Nel sequel diretto del capolavoro L’esorcista, le famiglie di due bambine possedute dal demonio chiedono aiuto a Chris MacNeil (Ellen Burstyn riprende il suo personaggio del capolavoro di William Friedkin), la donna che cinquant’anni prima aveva vissuto un’esperienza simile con la figlia Regan. David Gordon Green ritenta la scommessa (vinta con successo) di Halloween, ma i tempi sono cambiati. L’operazione nostalgia funziona, ma i cliché ormai abusati della possessione demoniaca fanno venire meno l’elemento principale: il terrore.

Il trailer di L’esorcista – Il credente

L’imprevedibile viaggio di Harold Fry

Harold Fry (un meraviglioso Jim Broadbent) è un pensionato che trascorre una vita tranquilla a Kingsbridge insieme a sua moglie Maureen (Penelope Wilton). Un giorno riceve una lettera dalla vecchia amica Queenie Hennessy (Linda Bassett) che gli annuncia una triste notizia: sta morendo di cancro ed è ricoverata in ospedale a Berwick, ai confini con la Scozia. Scosso dagli eventi, Harold esce di casa e invece di spedire all’amica la lettera che le ha scritto, decide di andare a trovarla a piedi. La regista Hettie Macdonald adatta il romanzo di debutto di Rachel Joyce, pubblicato in Italia da Sperling & Kupfer: un toccante viaggio dal sud al nord dell’Inghilterra, una riflessione emozionante su invecchiamento, amore e amicizia.

Il trailer di L’imprevedibile viaggio di Harold Fry

Kafka a Teheran

Nove racconti si intrecciano tra loro nella città di Teheran: hanno tutti per protagonisti persone comuni, costrette ad affrontare i vincoli oppressivi e soffocanti della burocrazia e della religione. Dopo il successo di Until Tomorrow, Ali Asgari e Alireza Khatami dirigono a quattro mani (in opportuno formato 4:3) questo mosaico irriverente e grottesco della società iraniana di oggi, presentato al Certain Regard di Cannes 76.

Il trailer di Kafka a Teheran

La moglie di Tchaikovsky

La vita, l’opera e soprattutto gli amori di Piotr Tchaikosvky (Odin Biron), in particolare il suo tumultuoso legame con la moglie Antonina Miliukova (Alyona Mikhaylova), figlia di buona famiglia che accetta di diventare sposa di convenienza, perché al musicista piacciono gli uomini. Subito dopo il discusso Petrov’s Flu, il talentuoso oppositore putiniano Kirill Serebrennikov dirige un sontuoso biopic (passato in Concorso a Cannes 75) su uno dei più grandi compositori russi di sempre e sulla sua ossessiva compagna: crudo, elegante e visionario.

Il trailer di La moglie di Tchaikovsky

Sick of Myself

Signe (Kristine Kujath Thorp) è una giovane barista fidanzata con Thomas (Eirik Sæther), un artista contemporaneo specializzato in sculture realizzate con mobili rubati. Quando il suo ragazzo inizia a riscuotere successo col suo singolare lavoro, Signe vuole riportare l’attenzione degli altri su di sé e comincia a prendere il Lidexol, un ansiolitico bandito in Russia per aver causato numerosi casi di malattie della pelle. La tattica funziona, ma le conseguenze sono terribili. Due anni dopo la sua uscita in patria e il passaggio al Certain Regard di Cannes 75, arriva anche in Italia la black comedy del norvegese Kristoffer Borgli: una graffiante (e irritante) satira horror delle relazioni egocentriche e del narcisismo da social. Da vedere.

Il trailer di Sick of Myself

Nata per te

Il tribunale di Napoli è alla ricerca di una famiglia per Alba, una bambina con sindrome di Down abbandonata in ospedale appena nata. A proporsi per l’affidamento è Luca, single, omosessuale e cattolico, mosso da sempre da un forte desiderio di paternità. Alla base del film di Fabio Mollo c’è una storia vera: quella dell’assessore napoletano Luca Trapanese, interpretato da Pierluigi Gigante. Ecco perché vederlo.

Il trailer di Nata per te

Volevo un figlio maschio

Alberto (Enrico Brignano) sogna da sempre di avere un figlio maschio con cui condividere le sue passioni: il calcio, le macchine e il cibo. Ma dal matrimonio con la moglie Emma sono nate tre figlie femmine che gli impongono uno stile di vita sano e colto. Quando Emma resta incinta del quarto figlio, Alberto invoca l’arrivo di un maschio. Il suo desiderio si avvera, ma con imprevisto: le tre femmine diventano maschi. Il ritorno alla regia di Neri Parenti è una commedia tra family e fantasy, di buoni sentimenti ma poche risate. Nel cast anche Giulia Bevilacqua e Maurizio Casagrande.

Il trailer di Volevo un figlio maschio

Arkie e la magia delle luci

Il mondo è avvolto dall’oscurità e Arkie – una ragazzina mostruosa con una benda sull’occhio, la bocca cucita e un tentacolo uncinato al posto del braccio – deve superare le sue paure per viaggiare attraverso il buio verso una misteriosa città di luce. L’obiettivo è salvare suo padre da un pericoloso scienziato e impedire la distruzione del suo pianeta. Dal graphic novel ScaryGirl dell’illustratore Nathan Jurevicius, diventato anche un browser game e un arcade per Xbox e PlayStation, un’animazione per famiglie (l’unica tra i film al cinema dal 5 ottobre) firmata da Ricard Cussó e Tania Vincent, con la voce dello youtuber Vincenzo Tedesco nella versione italiana.

Il trailer di Arkie e la magia delle luci

La fortuna è in un altro biscotto

Tra mille difficoltà Leo cerca di portare avanti l’attività ereditata dal padre. A perseguitarlo è soprattutto uno strozzino, Tonino Paffone, proprietario di un ristorante cinese e aspirante intermediario nell’import-export per conto delle triadi. Per recuperare i soldi che gli deve, Leo accetta di partecipare a un furto ai danni di Manfredo Collini, ricco imprenditore, collezionista d’arte e aspirante sindaco. Peccato che Federico, il figlio di Collini, abbia una relazione con Virginia, la figlia di Tonino… L’esordiente Marco Placanica firma una black comedy tutta made in Liguria, dal cast (da Manuel Zicarelli ed Enzo Paci a Fabrizio Contri e Daniela Camera) alle insolite location: niente Portofino, Sanremo o Cinque Terre, ma i vicoli di Sampierdarena a Genova e il molo abbandonato di Vado.

Il trailer di La fortuna è in un altro biscotto

Phobia

Chiara (l’influencer Jenny De Nucci) torna dopo anni passati fuori al casale di famiglia nella campagna romana. Con lei c’è l’amica Michela (Beatrice Schiaffino). Dopo la cena con la madre, il fratello e la compagna di lui, Michela scompare, ma tutti dicono di non averla mai vista. Per Chiara arriva il momento di affrontare i traumi del passato e tutto ciò da cui è stata costretta a scappare. Prodotto dalla Flat Parioli di Marco Gaudenzi, l’opera prima di Antonio Abbate si muove tra teso horror familiare e giallo psicologico: tutto già visto, ma per la tensione che è capace di costruire e il cast messo in piedi (compreso un Antonio Catania sfigurato) merita la visione.

Il trailer di Phobia

Good Vibes

Cinque storie si intrecciano attorno ad un misterioso smartphone dai poteri particolari: è un device che permette di avere la copia del telefono di chiunque. Inserendo il numero desiderato, si ha accesso a foto, video, e-mail, messaggi, conti online. Se si attiva la fotocamera in modalità spia, si può persino osservare in diretta la vita degli altri. L’opera prima dell’ex modella e attrice Janet De Nardis riflette sull’abuso della tecnologia, dalle parti dello scult. Nel cast ci sono Caterina Murino, Mimmo Calopresti, Vincent Riotta, Ludovico Fremont e Andrea De Rosa.

Il trailer di Good Vibes

Gorgona

L’isola di Gorgona nel Mar Ligure, di fronte a Livorno, è l’ultima colonia penale agricola d’Europa. Su questo spazio sospeso in mezzo al mare, sono ospitati novanta detenuti con pene definitive da scontare che hanno intrapreso un percorso riabilitativo basato sul lavoro, dalla coltivazione dei campi alla cura del bestiame. Libertà e riscatto sul mondo parallelo dell’isola-carcere sono al centro di questo documentario osservazionale di Antonio Tibaldi.

Il trailer di Gorgona

La strada infinita

Borgo Palazzo è il quartiere di Bergamo che racchiude e rappresenta al meglio la storia dell’intera città: da questo sobborgo passano l’anima popolare e operaia e quei luoghi-simbolo come il cinema, il mercato ortofrutticolo, la dismessa Fervet, il centro civico e il luna park di Celadina. Alberto Valtellina e Paolo Vitali continuano la loro riflessione sugli spazi urbani, sul concetto di abitare e sui confini tra centro e periferia, città e provincia: il filo rosso del documentario è L’invenzione del quotidiano, classico di Michel de Certeau dedicato alle arti del fare e alle tattiche di resistenza dell’uomo comune.

Il trailer di La strada infinita