Ficarra e Picone: “Ecco il nostro nuovo film”

La coppia di comici siciliani è in Marocco per le riprese del loro settimo lungometraggio: una commedia ai tempi di Erode…

Ficarra e Picone sono pronti a festeggiare alla grande i loro 25 anni di carriera. La coppia celebrerà questo importante anniversario con un tour (oltre cento date dove proporranno pezzi di repertorio ed inediti scritti per l’occasione) e soprattutto con il loro nuovo film. Il settimo lungometraggio di Salvo e Valentino, ancora senza titolo, uscirà il 12 dicembre per Medusa. L’ora legale è stato un successo da 11 milioni di euro di incassi al botteghino. Le bocche sono ancora cucite sulla trama della loro prossima commedia. Qualche anticipazioni è però arrivata.  

Ficarra e Picone, nuovo film in uscita il 12 dicembre

Intervistati dal Corriere della Sera, Ficarra e Picone hanno fatto trapelare qualche dettaglio in più.


È la storia di un’amicizia, di un percorso di crescita umana, un viaggio reale, tangibile, ma anche interiore, personale che cambierà le vite di entrambi. Siamo un prete e un ladro, due persone diversissime, il bianco e il nero, il giorno e la notte… insomma Ficarra e Picone. È anche un viaggio nel tempo dove avremo a che fare con tanti personaggi ai tempi di Gesù, tra cui un inedito Erode interpretato da Massimo Popolizio.

Un primo piano di Ficarra e Picone
Ficarra e Picone (foto: Facebook @FicarraePicone)

Ficarra e Picone, teatro con 100 date nel 2020

Dopo anni di successi tra cabaret, teatro e televisione, la voglia di raccontare una storia in cui credono fermamente è stata inarrestabile.

Torniamo a fare cinema solo quando abbiamo una storia che ci stimola, cerchiamo di non percorrere strade che abbiamo già percorso, proviamo a spostare l’asticella sempre un po’ più in alto.

Inevitabile è stato anche un commento sull’attuale situazione politica.

È la politica degli annunci, una politica che rimane bloccata, che governa solo creando paure senza incidere sulla qualità della vita delle persone, che è invece la missione che dovrebbe avere.

Se loro dovessero buttare giù dalla torre uno tra Salvini e Di Maio? La risposta è geniale.

Conoscendo l’Italia sicuramente questa torre sarà abusiva. E sarà pure condonata.

Loading...