Eurovision 2024, è polemica per l’esibizione di Bambie Thug

La cantante rappresenta l'Irlanda ed è contestata per il suo supporto alla Palestina e la pratica della stregoneria

0
843
Bambie Thug
Bambie Thug (foto: Facebook @bambiethugofficial)

L’Eurovision 2024, al via tra gli scontri per la presenza di Israele e gli inviti al boicottaggio, ha già la sua prima polemica, sollevata dalla cantante irlandese Bambie Thug. La popstar, in gara nella semifinale del 7 maggio con la canzone Doomsday Blue, ha conquistato l’accesso alla finale di sabato 11, dove sfiderà Angelina Mango e tutti gli altri finalisti. A far discutere non è il suo brano, ma il suo look e un elemento del trucco di scena che avrebbe dovuto usare sul palco della Malmö Arena.

Bambie Thug all’Eurovision 2024 dall’Irlanda per la Palestina

Classe 1994, nata a Macroom nella contea di Cork, Bambie Ray Robinson (questo il suo vero nome) ha ferocemente criticato gli organizzatori dell’Eurovision Song Contest per la richiesta di modificare un passaggio della sua esibizione considerato filo-palestinese. Il make-up preparato dalla cantautrice includeva una scritta in alfabeto ogamico (un’antica lingua celtica) che tradotta significava cessate il fuoco e libertà.

Il regolamento dell’Eurovision 2024 vieta agli artisti in gara (e al pubblico alla Malmö Arena) di mostrare simboli, loghi e qualsiasi tipo di messaggi che supportino la popolazione palestinese, vittima di genocidio da parte dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Tuttavia l’EBU (European Broadcasting Union) e l’emittente svedese SVT non hanno riservato a Israele lo stesso trattamento destinato alla Russia, che dal 2022 è stata esclusa dalla competizione per la guerra in Ucraina. In gara c’è infatti Eden Golan, cantante israeliana che rappresenta la sua nazione con la canzone Hurricane.

L’EBU ha censurato la scritta vista sul corpo di Bambie Thug durante le prove della semifinale perché “contravviene alle regole del concorso che sono pensate per proteggere la natura non politica dell’evento”, come ha spiegato un portavoce dell’Unione europea di radiodiffusione. A far discutere è anche Eric Saade: il cantante di origini palestinesi che ha rappresentato nel 2011 la Svezia, il Paese ospitante, si è esibito fuori concorso con la kefiah al polso. Ma Bambie Thug sta generando polemiche non soltanto per la sua presa di posizione politica.

Bambie Thug
Bambie Thug (foto: Lily’s World @lilylytton_photography)

Bambie Thug, Doomsday Blue accusata di satanismo

Arrivata al suo terzo disco con Cathexis, la cantautrice irlandese è una persona non binaria, definisce la sua musica ouija-pop (dal nome della tavola che viene usata per comunicare con il mondo dei morti) e pratica la stregoneria, in particolare la magia dei sigilli creati per influenzare se stessa e il mondo che la circonda. Nei testi delle sue canzoni compaiono numerosi incantesimi, formule, simboli e numeri di questa potente pratica pagana.

L’urlo terrificante che ha scagliato sul palco dell’Eurovision e la scritta Crown the Witch (incorona la strega) che appare sul video durante la sua performance, le sono valse le critiche (e gli anatemi) di diversi esponenti del cattolicesimo integralista. “L’Eurovision 2024 sta dando il peggio di se. Ovvero per il loro contesto e per i messaggi che vogliono proporre ‘il meglio’. Provocazioni violente, volgari, hard, e in pieno satanismo e stregoneria”, scrive sui social l’esorcista don Antonio Mattatelli, chiedendo l’esclusione immediata della cantante.