Brigitte Bardot sul Covid: “Il virus è una buona cosa, siamo troppi sulla Terra”

Nel corso di un'intervista concessa al settimanale Oggi, BB si lascia andare a dichiarazioni destinate a far discutere

1
163
Brigitte Bardot ieri e oggi
Brigitte Bardot ieri e oggi

Brigitte Bardot è stata una donna-simbolo della libertà femminile e un’icona di bellezza sensuale ed audace. Da quando ha chiuso con il mondo del cinema si preoccupa esclusivamente dei diritti degli animali. Nel corso di un’intervista concessa al settimanale Oggi, che l’ha incontrata in occasione della riedizione della sua biografia del 1973, la star simbolo degli anni Cinquanta e Sessanta ha rilasciano alcune dichiarazioni controverse sulla pandemia.

Brigitte Bardot: Covid “è una buona cosa”

“Mi chiede se questo virus è una buona cosa? Sì, è una specie di autoregolamentazione di una sovrappopolazione che noi non siamo in grado di controllare”, spiega l’ex-cantante e modella francese.

“Temo che il Covid e le altre epidemie che si stanno annunciando ristabiliranno dolorosamente un nuovo ordine. Quando quei 5 miliardi di persone di troppo su questa Terra saranno scomparsi, la natura riprenderà i suoi diritti”, aggiunge BB.

Brigitte non si è sentita “umiliata” dal confinamento e dalle misure restrittive come Andrea Bocelli. Lei di protezioni e quarantene non ha bisogno perché “non vedo nessuno: non saranno le capre a contagiarmi”.

Bardot non ha mai nascosto le sue posizioni controcorrente. In passato è stata accusata di omofobia e di antislamismo: nel libro Un grido nel silenzio ha definito “fenomeni da baraccone” i gay di oggi e “invasori” i musulmani che con le loro moschee vogliono “l’islamizzazione della Francia”.

È stata critica con il movimento #MeToo e lo scandalo esploso con il caso Harvey Weinstein, bollando come “ipocrite” le denunce di molte attrici “che fanno le civette con i produttori per ottenere un ruolo e poi vengono a raccontare che sono state molestate”.

Brigitte Bardot oggi
Brigitte Bardot oggi (foto: Instagram @fondationbrigittebardot)

Brigitte Bardot oggi: “Sono per un governo autoritario”

Sono lontani i tempi in cui B.B. spopolava nelle sale, sui rotocalchi e le riviste glamour, nel mondo dello spettacolo. Oggi che ha 86 anni sono i valori e le battaglie che ha sposato che la spingono a esporsi con prese di posizione scomode. La Bardot chiude l’intervista a Oggi lanciando una bordata al governo francese guidato da Emmanuel Macron.

“Quando penso che il governo francese lascia ai margini dei poveri cittadini che lavorano duro e che ottengono meno aiuti di tutti questi migranti che ci assalgono, mi fa orrore”, dichiara l’ex-attrice, che auspica l’arrivo di un “governo autoritario che possa mettere ordine nel casino in cui viviamo”.

1 COMMENT