Luci e ombre di Belen: “Mi hanno detto che aveva 4 mesi di vita”

0
161
ombre di belen

Non è tutto oro quello che luccica e, si sa, dietro il bianco smagliante dei sorrisi da showbiz, spesso si nascondono momenti decisamente no, come queste segretissime ombre di Belen Rodriguez, mamma per la seconda volta di Luna Mari.

Le ombre di Belen e i momenti difficili del suo passato lontano e recente

Chi ha seguito l’ultima puntata di C’è posta per te di Maria De Filippi avrà sicuramente queste ombre di Belen durante le sue confidenze – non tutte felici e spensierate: “Ti dico una cosa che non ho mai detto in pubblico, in televisione, almeno – racconta la presentatrice di Tu Sì Que Vales – Quando avevo 18 anni mia nonna si è ammalata di cancro. Molto grave. Le hanno dato 4 mesi di vita. Lei era molto importante per me, mi ha cresciuta, mi ha dato amore e io somiglio molto a lei.” Quando poi è arrivata in Italia, con i soldi guadagnati dalle sue primissime apparizioni, ha pagato la chemio alla nonna, e ha continuato a farlo per molto tempo ancora… “Fino a poco tempo fa me la sono goduta. Quando dai amore, l’amore si trasforma in altro amore”.

E a questo proposito, la nuova maternità che oggi la bella showgirl sta vivendo con la piccola Luna Mari e il suo compagno Antonino Spinalbese, è un altro bellissimo momento d’amore che si sta godendo. Ma non tutti sanno che, come ha raccontato a Verissimo, prima di questa gravidanza ce n’era stata un’altra con Antonino, del tutto inaspettata: “Quando io e Antonino lo abbiamo scoperto eravamo basiti che fosse accaduto. Non ce lo aspettavamo, anche perché era veramente troppo presto”. Dopo aver accolto, successivamente, la notizia con determinazione e solidità, da coppia innamorata, la doccia gelata: Belen perde il bambino.

La coppia è stata veramente male, ma questo episodio drammatico e triste li ha spinti verso una nuova consapevolezza: la loro storia d’amore si trovava nel punto giusto per entrambi per pensare davvero ad un figlio. Ed un mese dopo è arrivata la notizia di Luna Mari.