I Måneskin tolgono le parolacce da Zitti e buoni per partecipare all’Eurovision: “Siamo ribelli, mica scemi”

Fa discutere la scelta "conservativa" della band che ha vinto Sanremo 2021: il gruppo romano replica alle accuse

1
248
Måneskin vincono a Sanremo 2021
Måneskin vincono a Sanremo 2021

L’Eurovision Song Contest si rivela più bigotto, pruriginoso e “devoto all’austerity” del Festival di Sanremo. Se ne sono appena accorti i Måneskin. La rock band romana, fresca di vittoria sul palco dell’Ariston con Zitti e buoni, rappresenterà l’Italia al concorso canoro europeo e per farlo ha dovuto modificare musiche e soprattutto testo della propria canzone. Come? Eliminando tutte le parolacce presenti.

Come cambia Zitti e buoni dei Maneskin all’Eurovision

I “nuovi Pooh” – così li ha ribattezzati Roby Facchinetti in persona – proporranno all’Ahoy Arena di Rotterdam, sede dell’Eurovision 2021, una versione riveduta e corretta di Zitti e buoni. Il regolamento del contest è infatti molto rigido. Non sono consentite “imprecazioni o altri linguaggi inaccettabili nei testi o nelle esecuzioni delle canzoni”.

I Måneskin si adeguano ed eseguiranno una Zitti e buoni “ripulita”. Il gruppo ha dovuto cambiare quattro passaggi del brano per stare entro i 3 minuti di durata e togliere ogni scurrilità:

  • Sono stati tagliati cinque secondi dell’introduzione, corrispondenti a uno dei due riff;
  • Il verso “Vi conviene toccarvi i coglioni” diventa “Vi conviene non fare più errori”;
  • Uno dei due riff del passaggio verso la seconda strofa è stato eliminato;
  • Il passaggio “La gente non sa di che cazzo parla” cambia in “non sa di che cosa parla”.

Molti utenti sui social hanno subito criticato i Måneskin per questa scelta. La band che ha vinto col rock a Sanremo è accusata di piegarsi al politicamente corretto e alle assurde regole dell’Eurovision.

Un post che rimbalza su Twitter è in particolare quello di Mario Adinolfi. “Pur di partecipare all’Eurovision i Maneskin hanno accorciato il brano con cui hanno vinto a Sanremo e cancellato tutte le parolacce. Ve la immaginate la risposta di Guccini se gli avessero chiesto di farlo dall’Avvelenata? I Maneskin invece sono stati zitti e buoni”, scrive il portavoce del Popolo della Famiglia.

Måneskin vincono a Sanremo 2021
I Måneskin a Sanremo 2021 (foto: Facebook @maneskinofficial)

Maneskin, Zitti e buoni ripulita per l’Eurovision: critiche e repliche

Il gruppo capitolino ha reagito a questo biasimo senza peli sulla lingua. “Non ci ha fatto piacere cambiare il testo per partecipare all’Eurovision, ma c’è una questione di buon senso: abbiamo pensato che era meglio cancellare una parolaccia, che lascia il tempo che trova, pur di fare una cosa così importante. Siamo ribelli ma non scemi, togliere una parolaccia non cambia il significato della canzone, ma c’è un regolamento e sarebbe stato sciocco farsi eliminare dal contest”, specifica il cantante Damiano David in una nota.

“Anche la foto in cui mi tocco le parti intime è stata cancellata da Instagram e anche questa non è fondamentale, è inutile toglierla e poi ripostarla, anche perché con Instagram un po’ ci lavoriamo”, aggiunge Damiano.

“Abbiamo portato il nostro pezzo a Sanremo, adesso andiamo all’Eurovision, ma che dobbiamo fare, strappare la testa ai pipistrelli? Il pubblico degli esordi è entusiasta del nostro rock e non vede l’ora che ricomincino i live, la nostra generazione si sente sempre rappresentata. Per il pubblico più giovane, non abituato al nostro tipo di musica, invece siamo una novità da scoprire. I ragazzi sono curiosi e sempre più informati. È vero: non siamo i Led Zeppelin, ma siamo all’inizio, lasciateci il tempo di arrivarci”, conclude il cantante.

Zitti e buoni è già certificato disco d’oro e farà parte dell’album Teatro d’ira – Vol. I, registrato dai Måneskin in presa diretta al Mulino Recording Studio di Acquapendente. Con una mossa a sorpresa, la versione “ripulita” di Zitti e buoni non sarà presentata in anteprima a maggio all’Eurovision ma è già stata rilasciata dalla band.

1 COMMENT