Poche donne al Concerto del Primo Maggio, Ambra si infuria: “Polemiche inutili”

"Dobbiamo piantarla di far scoppiare polemiche inutili", ha tuonato la conduttrice, contraria alle critiche ricevute dal Concertone

Il Concerto del Primo Maggio 2019 porterà a Roma (e in tv dalle 15 su Rai3) tanti artisti, da Manuel Agnelli a Noel Gallagher. Sin da subito, però, è spiccata l’assenza di donne. Saranno pochissime le voci femminili ad esibirsi in Piazza San Giovanni in Laterano. Con le sole California dei Coma_Cose, Veronica Lucchesi (voce di La Rappresentante di Lista) e Isabella Tundo dei La Municipàl, sono soltanto tre le donne che saranno sul palco del Concertone.

La polemica è esplosa da giorni e l’organizzazione, la iCompany del manager e produttore Massimo Bonelli, ha subito voluto mettere le cose in chiaro. Dalla pagina Facebook dell’evento è stato diffuso un post che spiega come “il festival è a trazione femminile” nell’organizzazione e i “maschietti sono in netta minoranza”.

Lo sapete che #1M2019 è un evento a trazione femminile?Nelle posizioni apicali dell’organizzazione del Concertone…

Publiée par Primo Maggio Roma sur Mardi 23 avril 2019

Una giustificazione che però non ha fermato le polemiche. Critiche sulle quali è voluta intervenire la conduttrice Ambra Angiolini.

Concerto Primo Maggio Roma 2019: poche donne?

Ambra, che a Domenica In ha recentemente fatto discutere per le sue dichiarazioni, non l’ha presa bene. “Io da donna non mi sento offesa – ha raccontato ai microfoni di LaPresse – perché non ho contato quante donne ci stanno sul palco del Primo Maggio. Se questa è una radiografia del paese, vuol dire che i problemi sono a monte. Perché nelle classifiche ufficiali ci sono solo due donne? Perché non lo chiediamo alle case discografiche e anche a quelli che stanno prima del Primo Maggio?”.

“Il Primo Maggio – ha aggiunto l’attrice – non ha fatto una selezione pensando ‘questa è donna via, questo è uomo dentro’. È stata fatta una selezione sulla musica, che tiene conto dei primi posti nelle classifiche, e le donne che c’erano non erano disponibili. Dov’è la polemica?”.

Concerto Primo Maggio
Ambra Angiolini

Primo Maggio 2019 Roma: Ambra si incazza

“Parliamo della sicurezza sul lavoro, di quello che ancora non esiste in questo paese”, ha spiegato Ambra. “Dobbiamo piantarla – conclude – di parlare e di far scoppiare polemiche inutili. Sfido qualsiasi donna intelligente a prendersela contando le donne al concerto del Primo Maggio. Me ne prendo ogni responsabilità, anche del fatto che mi sto incazzando”.

Fulvio Abbate, con la consueta amara ironia, ha sintetizzato la questione in questo modo: “Ambra Angiolini vi sta dicendo che al Concertone del Primo Maggio ci sono poche donne sul palco perché chi decide su tutto sono le playlist cioè gli uffici commerciali, chiaro? Già che c’era poteva anche lei restarsene a casetta”.