40 anni fa la strana morte di Natalie Wood: la rivelazione della sorella Lana

0
104
Natalie Wood
Natalie Wood

Natalie Wood, la star di Gioventù bruciata, Sentieri selvaggi e West Side Story, moriva quarant’anni fa. Era il 29 novembre 1981 quando l’attrice, all’epoca 43enne, fu trovata senza vita in mare in circostanze ancora oggi non del tutto chiarite. Ufficialmente la Wood è morta per annegamento dopo essere scesa dal suo yacht al largo dell’isola di Catalina nell’Oceano Pacifico, dove si trovava con il marito Robert Wagner e l’amico Christopher Walken. Proprio Wagner, geloso per un presunto tradimento della moglie con Walken, verrà a lungo sospettato della morte.

Natalie Wood, morte 40 anni fa e ancora un mistero

Quando viene recuperata, Natalie Wood indossa soltanto un pigiama, le calze e un giaccone. L’annegamento sarebbe avvenuto per l’acqua gelida, l’alcol e i farmaci nel suo sangue. Ma fin da subito c’è qualcosa che non torna. La sorella Lana sa benissimo che Natalie ha paura dell’acqua. Perché scendere in pieno oceano in piena notte?

Wagner ammette che lui e sua moglie hanno avuto una feroce discussione la sera prima del dramma, ma sostiene che quando andò a letto, la Wood non era già più a bordo. Una donna in un’imbarcazione vicina confessa addirittura di aver sentito grida femminili e una richiesta d’aiuto. Sentiti dagli inquirenti, Wagner e Walken forniscono testimoniante perfettamente coincidenti.

Le indagini si riaprono tre volte nel corso degli anni: nel 2011, nel 2013 e nel 2017. Ma tutto si risolve in un nulla di fatto e la prima versione resta quella iniziale. Nel frattempo, Lana Wood rivanga un altro episodio doloroso del passato di sua sorella: lo stupro dell’attrice, quando era ancora minorenne, da parte di una celebre star di Hollywood.

Natalie Wood

Natalie Wood, sorella Lana accusa Kirk Douglas

Questa storia circola da tempo e risale al 1955. Ora Lana Wood fa il nome di chi abusò di sua sorella durante un incontro allo Chateau Marmont: Kirk Douglas. Nel suo libro autobiografico Little Sister, Lana Wood spiega che all’epoca dei fatti aveva 8 anni, la sorella 16. A organizzare la visita con il 38enne Douglas fu la madre Maria: la donna pensava che l’attore avrebbe potuto favorire la carriere della figlia.

Quando Natalie tornò da quell’incontro, scrive Lana, “aveva un aspetto terribile. Era molto scompigliata e molto turbata, e lei e mamma iniziarono a sussurrare freneticamente tra di loro. Non potevo sentirle o capire quello che dicevano. A quanto pare era accaduto qualcosa di brutto a mia sorella, ma, qualunque cosa fosse, ero troppo giovane perché me ne parlassero”.

Soltanto anni dopo la sorella le confessò dello stupro, ma le chiese di mantenere il segreto per proteggere la sua carriera. Lana fa il nome di Kirk Douglas soltanto oggi perché l’attore è morto nel febbraio 2020 a 103 anni. “Non c’è più nessuno ancora in vita da proteggere – spiega Lana – e sono sicura che lei mi perdonerà per aver tradito la promessa che le feci”.