Film al cinema dal 9 maggio: cosa vedere e cosa no

Sono ben 15 i nuovi titoli nelle sale, dal remake di "Pet Sematary" a "Il grande spirito" e "Che fare quando il mondo è in fiamme?"

I film al cinema dal 9 maggio sono ben quindici, ancora penalizzati dalla presenza di Avengers: Endgame come già accaduto per il 2 maggio. Il cinecomic Marvel monopolizza ancora un gran numero di sale, così sono il remake di Pet Sematary, l’universo dei Pokemon e il ritorno alla regia di Sergio Rubini a totalizzare il maggior numero di schermi tra le nuove uscite. Occhio però agli outsider: l’imperdibile della settimana è il nuovo, straordinario e sconvolgente documentario di Roberto Minervini.

Film al cinema dal 9 maggio
Pet Sematary

Pet Sematary

Il cimitero degli animali di Stephen King rivive in questo remake diretto da Kevin Kölsch e Dennis Widmyer. Stavolta il protagonista è un medico che scopre, seppellito il gatto di famiglia “oltre il cimitero”, le inquietanti abitudini dei suoi nuovi vicini. Ottima tensione, ma l’interesse cala col passare dei minuti. Buono il cast con Jason Clarke e John Lithgow.

Il grande spirito

Sergio Rubini dirige se stesso e un ottimo Rocco Papaleo in una commedia western ambientata nella periferia di Taranto. Un luogo occupato dalle ciminiere e dal malaffare. Si sorride e si piange, tra resistenza ideologica e realismo magico. Le musiche sono di Ludovico Einaudi.

Che fare quando il mondo è in fiamme?

Girato in bianco e nero e ambientato a Baton Rouge, capitale della Louisiana ad alta densità afro-americana, il film di Roberto Minervini racconta la condizione dei neri oggi attraverso tre storie. Tra la quotidianità degli adolescenti di periferia e il ritorno delle Black Panther, un saggio durissimo ed emozionante sull’America contemporanea. Da vedere.

I film al cinema dal 9 maggio

I figli del Fiume Giallo

Il nuovo film del talentuoso Jia Zhang-ke, Leone d’Oro nel 2006 con Still Life, parte da un crimine avvenuto nella Datong del 2001. Protagonisti il boss Bin (Liao Fan) e la sua fidanzata Qiao (Zhao Tao). Lei è finita in carcere a farsi cinque anni per essersi immolata per lui: all’uscita ritrova un Paese completamente cambiato. L’ennesima spietata fotografia della Cina di oggi.

Ted Bundy – Fascino criminale

Zac Efron diventa uno dei più famosi e terribili serial killer della storia americana. Il regista Joe Berlinger e lo sceneggiatore Michael Werwie adattano il libro di memorie di Elizabeth Kendall e lo raccontano proprio dal punto di vista della fidanzata (Lily Collins). Bel cast (ci sono anche John Malkovich, Kaya Scodelario e Jim Parsons), ottima tensione, resa povera da tv movie.

Pokémon Detective Pikachu

I famosi mostri tascabili giapponesi tornano al cinema con un film a tecnica mista (animazione, live-action e computer grafica) che racconta cos’è successo a Harry Goodman, famoso investigatore e papà di Tim (Justice Smith). Il ragazzo, ex promessa degli allenatori di Pokémon, fa squadra con Detective Pikachu per scoprire la verità sul padre e su Ryme City.

Tutti i film al cinema dal 9 maggio

Red Joan

Ispirato alla storia vera di Melita Norwood, la “ragazza del KGB” raccontata nel romanzo di Jennie Rooney, il film di Trevor Nunn vede Judi Dench (Sophie Cookson è la Joan giovane) nei panni della “nonna spia”. Una donna che ha lavorato per i servizi segreti sovietici per oltre cinquant’anni senza mai farsi scoprire. Peccato il risultato sia convenzionale e prevedibile.

Solo cose belle

Benedetta (Idamaria Recati) ha 16 anni e vive in un paesino dell’entroterra di Rimini. La sua placida routine viene sconvolta dall’arrivo dei suoi nuovi vicini: una casa famiglia rumorosa e stravagante. Ne fanno parte papà e mamma, un extracomunitario, una ex prostituta, un carcerato, due ragazzi disabili, un bimbo in affido e un figlio naturale. Un apologo sul vivere in comunità.

John McEnroe – L’impero della perfezione

Julien Faraut realizza un documentario su una delle più leggendarie figure nella storia del tennis. Colto durante un Roland Garros dei primi anni ’80, McEnroe è l’eroe pazzo e solitario, rabbioso e geniale, divorato dai conflitti e dal bisogno costante di rivalsa. “Il cinema mente, lo sport no”, come diceva Jean-Luc Godard. La voce narrante (nella versione originale) è di Mathieu Amalric.

Nuovi film al cinema: in uscita due classici

Tutti pazzi a Tel Aviv

Il regista Sameh Zoabi sceglie la commedia per raccontare uno dei più dolorosi e insolubili conflitti della storia contemporanea: quello israelo-palestinese. Protagonista è Salam (Kais Nashif), trentenne sceneggiatore palestinese diviso tra Gerusalemme e Ramallah. Dovendo dar vita a un ebreo per la sua soap, si fa aiutare da Assi, il capitano israeliano del posto di blocco che è costretto a passare ogni giorno. Un film brillante, romanzo di formazione grottesco e corrosivo.

La città che cura

Erika Rossi racconta in questo prezioso documentario un rivoluzionario esperimento di coesione sociale. A Trieste, attorno alla Microarea di Ponziana, un progetto di salute pubblica ha radunato anziani come Plinio, Roberto e Maurizio, che vivono soli e non vogliono più uscire di casa, in un nuovo modello abitativo che ha creato effetti positivi su tutta la comunità.

L’alfabeto di Peter Greenaway

Saskia Boddeke, artista visiva e moglie del grande regista inglese, dedica al marito questo documentario ironico e sperimentale. La creatività di Greenaway viene raccontata attraverso le conversazioni con la figlia adolescente Pip, che mette in ordine alfabetico i punti salienti della vita del padre. Evento speciale al cinema solo dal 12 al 15 maggio: l’elenco delle sale sul sito di I Wonder Pictures.

Panico e Maigret e il caso Saint Fiacre

Dal 6 maggio nelle sale italiane e a Bologna al Cinema Lumière arrivano questi due classici restaurati dalla Cineteca di Bologna. Un omaggio a Georges Simenon a 30 anni dalla scomparsa. Il Cinema Ritrovato riporta sul grande schermo Panico, diretto nel 1946 da Julien Duvivier con un grandissimo Michel Simon, e Maigret e il caso Saint Fiacre, giallo del 1959 firmato da Jean Delannoy e affidato al volto di Maigret per eccellenza, quello di Jean Gabin.

A.N.I.M.A.

Il film di Rosario Montesanti e Pino Ammendola (anche protagonista) racconta la “Atassia Neuro Ipofisaria Monolaterale Acuta”. Uno stato di coma in cui finisce il politico corrotto Anio Modòr: quando si risveglia, è in una specie di inferno laico nel quale vedere le conseguenze delle sue terribili azioni. Nel cast Massimo Olcese, Adolfo Margiotta, Andrea Roncato, Franco Oppini e tanti altri.

Loading...